Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/248: PADRAIG HARRINGTON CAPITANO DELL'EUROPA IN RYDER CUP

Nel 2020 l'irlandese guiderà il team continentale nella sfida agli Usa


ROMA - Sarà l’irlandese Padraig Harrington, a svolgere la missione di Capitano europeo alla Ryder Cup 2020, prossimo appuntamento americano fra Europa e Stati Uniti. Harrington è stato scelto da un Comitato composto dagli ultimi tre capitani del massimo circuito europeo: Paul...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/247: I CAMPIONI DEL PGA INIZIANO L'ANNO ALLE HAWAII

L'outsider Schauffele trionfa nel torneo riservato ai 37 vincitori del circuito


MAUI - Al Plantation Course di Kapalua, è andato in scena l’evento riservato alla crema del PGA, cioè ai 37 che hanno vinto un torneo nel circuito della passata stagione. Il Sentry Tournament of Champions ha luogo sempre durante la prima settimana di gennaio, sempre nel medesimo...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/19: IL MOLINETTO GOLF & COUNTRY CLUB

Dai Celti agli Sforza, a Cernusco sul Naviglio si gioca tra la storia d'Italia


CERNUSCO SUL NAVIGLIO - Quello che colpisce maggiormente arrivando al Golf Molinetto, è di trovarsi all’improvviso in una realtà che si stacca completamente da tutto ciò che la circonda: il territorio tipico della Lombardia produttiva, dove la gente è soprattutto...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Aperta un'inchiesta sull'incidente costato la vita al 77enne di San Biagio di Callalta

DINO BASSO NON HA COLPE: INDAGATO IL 24ENNE DI MOTTA

L'investitore non era alla guida sotto l'effetto di alcol o stupefacenti


SAN BIAGIO DI CALLALTA – (gp) Dino Basso non ha colpe. Ne è praticamente certa la Procura di Treviso che ha formalmente avviato un'inchiesta e iscritto nel registro degli indagati con l'ipotesi di reato di omicidio colposo il 24enne di Motta di Livenza che, alla guida della sua Bmw station wagon ha investito e ucciso il 77enne di San Biagio di Callalta. La dinamica insomma è chiara, anche se sono stati disposti accertamenti sul sinistro per fugare ogni dubbio. Com'è chiaro che il giovane non si trovava al volante sotto l'effetto di alcol o stupefacenti. L'unico punto interrogativo rimane la velocità tenuta dall'auto: dai primi rilievi pare infatti viaggiasse sopra il limite di 50 chilometri orari imposto per il transito in centro abitato. L'incidente si è verificato poco dopo le 19.30 di mercoledì. Il pensionato stava attraversando la Postumia sulle strisce pedonali, dalla farmacia verso la chiesa del paese. Forse per la luce radente della sera, la Bmw del giovane mottense, che da Treviso viaggiava in direzione di Oderzo, non ha visto il pedone e l'ha centrato in pieno. Inutili purtroppo i soccorsi: Dino Basso è praticamente morto sul colpo.