Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/223: I SOCI AIGG SI SFIDANO SULLE DOLOMITI

Tre giornate in quota tra Alto Adige e Trentino


BOLZANO - Un interessante momento nelle gare dell’Associazione Italiana Giornalisti Golfisti: tre giornate di golf impegnativo, in aggiunta all’annuale challenge, per godere le Dolomiti. Nella giornata di apertura ci spalanca le porte il Golf Club Eppan (Appiano): un campo da golf a...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Aperta un'inchiesta sull'incidente costato la vita al 77enne di San Biagio di Callalta

DINO BASSO NON HA COLPE: INDAGATO IL 24ENNE DI MOTTA

L'investitore non era alla guida sotto l'effetto di alcol o stupefacenti


SAN BIAGIO DI CALLALTA – (gp) Dino Basso non ha colpe. Ne è praticamente certa la Procura di Treviso che ha formalmente avviato un'inchiesta e iscritto nel registro degli indagati con l'ipotesi di reato di omicidio colposo il 24enne di Motta di Livenza che, alla guida della sua Bmw station wagon ha investito e ucciso il 77enne di San Biagio di Callalta. La dinamica insomma è chiara, anche se sono stati disposti accertamenti sul sinistro per fugare ogni dubbio. Com'è chiaro che il giovane non si trovava al volante sotto l'effetto di alcol o stupefacenti. L'unico punto interrogativo rimane la velocità tenuta dall'auto: dai primi rilievi pare infatti viaggiasse sopra il limite di 50 chilometri orari imposto per il transito in centro abitato. L'incidente si è verificato poco dopo le 19.30 di mercoledì. Il pensionato stava attraversando la Postumia sulle strisce pedonali, dalla farmacia verso la chiesa del paese. Forse per la luce radente della sera, la Bmw del giovane mottense, che da Treviso viaggiava in direzione di Oderzo, non ha visto il pedone e l'ha centrato in pieno. Inutili purtroppo i soccorsi: Dino Basso è praticamente morto sul colpo.