Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

I concessionari: a rischio quasi 800 lavoratori

MERCATO DELL'AUTO IN ROSSO 19% DI IMMATRICOLAZIONI IN MENO

Tra gennaio e maggio calano soprattutto le utilitarie


TREVISO - Il mercato dell'auto continua a frenare. Nei primi cinque mesi dell'anno, le immatricolazioni in provincia di Treviso sono diminuite di un ulteriore 18,76% rispetto allo stesso periodo del 2011. Il dato è leggermente migliore della media regionale (attestata al 20%), ma, sottolineano i rappresentanti dei concessionari, se si considerano gli acquisti dei clienti in senso stretto, il calo sfiora i trenta punti percentuali. Tra gennaio e maggio sono state immatricolate 40.638 vetture. A soffrire in modo particolare sono i segmenti base: Peugeot meno 42%, Opel meno 28, Citroen meno 25, Fiat e Ford meno 22. Ma perdono anche marchi che finora avevano retto come Volkswagen e Ford. Numeri positivi per le auto a prezzi più contenuti come Dacia (che guadagna il 58%), Kia (più 42) e Hyundai (addirittura più che raddoppiata). Il commento di Giorgio Sina, presidente del gruppo auto, moto e ricambi di Confcommercio Treviso.