Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/200: DUSTIN JOHNSON CAMPIONISSIMO ALLE HAWAII

Il numero uno del ranking trionfa nel Sentry Toornament


TREVISO - Siamo ormai all’undicesimo torneo del PGA americano 2018, il Sentry Tournament of Champions, che si è giocato negli Stati Uniti al Plantation Course di Kapalua, da 4 al 7 gennaio. È l’undicesimo, giacché la prima gara della stagione, il Safeway Open,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/199: NEL 2018 L'OPEN D'ITALIA SUL LAGO DI GARDA

Novità di fine anno dal universo dei green italiani


TREVISO - Notizie che ci sono pervenute negli ultimi giorni e che val la pena di commentare. Cominciamo con l’Open d’Italia. Il 75° open d’Italia, la massima manifestazione nazionale di golf, non si giocherà nel 2018 al Golf Milano, bensì al Gardagolf country...continua

Golf
PILLOLE DI GOLFF/198: SI CONCLUDE IL CIRCUITO EUROPEO FEMMINILE

La protesta delle giocatrici: "Discriminate rispetto ai maschi"


Oggi parliamo di donne, di queste abili signore che si impegnano oltre misura alla ricerca del successo in Campo. A dire il vero, sono arrabbiate le golfiste europee, per la discriminazione che subiscono nel confronto con i maschi. Non conosco i motivi che generano questa scarsa considerazione, non...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

L'evento di arti performative e musica giunge alla 3^ edizione

SCHIUME FESTIVAL: TEATRO, DANZA E MULTIMEDIALE AL FORTE MARGHERA

Da venerdì 22 a domenica 24 giugno e anche il weekend successivo


Da www.laperiferia.it

Torna la terza edizione di Schiume Festival, l'evento di arti performative e musica che avrà luogo a Forte Marghera (Venezia) nei weekend tra venerdì 22 e domenica 24 giugno e ancora da venerdì 29 a domenica 1 luglio.

Nato tre anni fa dall'idea dell'associazione culturale "La Periferia", lo Schiume Festival è una rassegna che si apre a intelligenti progetti innovativi e linguaggi sperimentali. L'idea è di dare spazio a voci nuove, progetti coraggiosi, formazioni giovani e promettenti.

Il tema per questa edizione è il “conflitto” nella sua accezione di resistenza, di spirito combattivo e propositivo, quello che devono avere le inziative culturale oggi per sopravvivere. La questione verrà declinata attraverso I progetti artistici ma anche con due dibattiti previsti per venerdì 29 e sabato 30 giugno.

 

Intanto, venerdì 22 giugno, alle 19, lo Schiume Festival inizia con la proiezione del documentario “Colors” che parlerà dell'impatto della multinazionale Benetton sulle popolazioni del Sud America. Il documentario di Ale Corte e l’installazione di Elena Mazzi porranno una lente di ingrandimento su alcune dinamiche delle politiche Venete.

Alle 21 lo spettacolo teatrale di Demix “Venerdì (terra senza terra)”, la storia di un ragazzo italiano che parte per la Palestina e di un ragazzo arabo che lascia la sua terra.

Alle 22 “Love car”, un’originale performance sul delicato tema dell’eutanasia, della formazione bolognese Macellerie Pasolini. La perfomance è allestita all’interno di una Fiat Multipla giocando tra riproduzione e collage di suono.

 

Schiume 2012 proseguirà con molte altre iniziative: Frame – montaggio fissato a un corpo, progetto di Beatrice Baruffini prodotto in collaborazione con InTeatro Polverigi, in cui la presenza del corpo e l’accostamento di elementi collegati a esso evoca con potenza i fantasmi collettivi di questi giorni.

Oscilla, installazione interattiva multimediale, a cura di Andrea Santini, dove sarà lo spettatore a intervenire sull’ambiente, dando origine attraverso i propri gesti alle armonie che pervaderanno lo spazio.

Another time at the same place at the same time in another place, la suggestiva installazione sonora site specific disegnata apposta per lo spazio della Polveriera Francese del Forte dal duo inglese Louie + Jesse. La rivoluzione dolce, il nuovo lavoro del progetto torinese Volvon, terza parte della trilogia Come se non ci fosse domani e ispirato all’opera della filosofa Luce Irigaray.

Il tema del conflitto sarà esplicitimante articolato nella danza da Tug of war del trio Sight by Side, in cui sia la provenienza geografica delle due danzatrici, che lo stile che ne abita i corpi, saranno elementi di conflitto, capaci, però, di ridisegnare i confini per generare significati nuovi.

Oltre alle performance, Schiume Festival 2012 ospiterà i concerti di Beniamino Noia, Nagel, Kipple, l’impressionante installazione Meduse del duo BastelliMenti l’originale allestimento Deep/Wide del duo di fotografi Nicola Baruzzi e Linda Bertazza, in cui un conflitto radicale viene elaborato attraverso la ricerca di una dimensione terza, di sovrapposizione e fusione.

 

Il 29 giugno si terrà il primo dibattito con rappresentanti di istituzioni e di fondazioni private, e giovani artisti, sulla questione “Cultura e lavoro – quali le possibilità di sopravvivenza e crescita per le emergenti iniziative culturali e artistiche nel contesto italiano di oggi”.

Il 30 giugno, alle 19, Francesco Mazzucchelli, semiotico ricercarore del Centro di studi interdisciplinare su memorie e traumi culturali dell’Università di Bologna, e gli urbanisti professori IUAV Maria Chiara Tosi e Stefano Munarin interverranno sul tema “Conflitto, politiche urbane, spatial justice”. Lo spazio urbano come campo di battaglia per la costruzione di significati - spazi della discriminazione, riots, riappropriazioni. Quali prospettive per una città “giusta”.

La partecipazione a Schiume Festival è gratuita, con offerta libera.

Per info www.laperiferia.it