Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Caerano, residente-detective avverte i carabinieri e li fa arrestare

LADRI SORPRESI ALLA "SANREMO" "SIAMO VENUTI QUI PER DORMIRE"

Fermati sabato due romeni di 22 e 24 anni, erano a caccia di rame


CAERANO SAN MARCO - (nc) “Siamo venuti qui per dormire”. Hanno cercato di giustificarsi con queste parole due ladri romeni, il 24enne Flip Benjamin David ed il 21enne Claudio Adrian Atitienii, sorpresi sabato notte all'interno della ditta “Sanremo” di Caerano San Marco. I carabinieri, avvertiti da un giovane residente, hanno trovato gli stranieri nascosti verso le 23.30 all'interno del vano caldaie: per entrambi sono scattate le manette. I due stranieri erano entrati all'interno scassinando con un piede di porco una delle porte esterne: puntavano forse, dicono i militari, al rame contenuto in alcuni macchinari ormai dismessi. I due sono stati processati per direttissima: il 24enne è stato condannato ad un anno e al pagamento di una pena di 210 euro mentre il complice 22enne dovrà scontare 8 mesi e 140 euro di multa.