Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/248: PADRAIG HARRINGTON CAPITANO DELL'EUROPA IN RYDER CUP

Nel 2020 l'irlandese guiderà il team continentale nella sfida agli Usa


ROMA - Sarà l’irlandese Padraig Harrington, a svolgere la missione di Capitano europeo alla Ryder Cup 2020, prossimo appuntamento americano fra Europa e Stati Uniti. Harrington è stato scelto da un Comitato composto dagli ultimi tre capitani del massimo circuito europeo: Paul...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/247: I CAMPIONI DEL PGA INIZIANO L'ANNO ALLE HAWAII

L'outsider Schauffele trionfa nel torneo riservato ai 37 vincitori del circuito


MAUI - Al Plantation Course di Kapalua, è andato in scena l’evento riservato alla crema del PGA, cioè ai 37 che hanno vinto un torneo nel circuito della passata stagione. Il Sentry Tournament of Champions ha luogo sempre durante la prima settimana di gennaio, sempre nel medesimo...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/19: IL MOLINETTO GOLF & COUNTRY CLUB

Dai Celti agli Sforza, a Cernusco sul Naviglio si gioca tra la storia d'Italia


CERNUSCO SUL NAVIGLIO - Quello che colpisce maggiormente arrivando al Golf Molinetto, è di trovarsi all’improvviso in una realtà che si stacca completamente da tutto ciò che la circonda: il territorio tipico della Lombardia produttiva, dove la gente è soprattutto...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Nube nera su Casale e Mogliano: paura tra la popolazione

ROGO IN UN DEPOSITO DI RIFIUTI INCUBO NUBE TOSSICA

A fuoco la Nuova Esa di Marcon: bruciano zolfo e plastica


MARCON - Rogo alla discarica Nuova Esa di Marcon e incubo nube tossica sulla bassa trevigiana. Intorno alle 18.45 un incendio si è sviluppato all'interno dell'ex deposito di rifiuti pericolosi di via Fornace, nel comune veneziano: il sito era chiuso da tempo, dopo il sequestro disposto dalla magistratura nel 2004 nell'ambito di un'indagine su un traffico di rifiuti tossico-nocivi con la Campania, che nel 2008 aveva portato in carcere 12 persone. Il complesso, tuttavia, non è stato ancora bonificato (i termini per l'operazione scadono a fine mese) e al suo interno si trovavano ancora diverse sostanze inquinanti: a bruciare è stata un'area abbastanza limitata di circa 200-300 metri quadrati, contenente soprattutto zolfo e materie plastiche. La densa nube nera alzatasi dall'incendio, sospinta dal vento, verso le otto di sera ha raggiunto anche Casale sul Sile e Mogliano, nel trevigiano, generando inevitabile panico nei residenti: secondo i primi riscontri, tuttavia, non ci sarebbero pericoli per la salute. Sei squadre dei vigili del fuoco di Mestre, Treviso e San Donà hanno domato le fiamme nel giro di tre ore. Sul posto anche i tecnici dell'Arpav per le analisi sul terreno e sull'aria. Ancora da stabilire le cause del rogo: la vicenda che ha visto protagonista la ditta potrebbe far supporre un'origine dolosa, ma non si escludono nemmeno fattori naturali, visto il gran caldo degli ultimi giorni.