Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/220: BROOKS KOEPKA FA IL BIS ALL'US OPEN

Il terribile campo di Shinnecock Hills fa strage di big


TREVISO - Risale al 1891 la storia di questo percorso che nasce a 12 buche, alle porte di New York. Seguirono le altre 6 nel 1895, poi subì modifiche nel 1920, per essere completato nel 1931. Oggi il percorso è un par 70 di ben 6.808 metri. Da sempre considerato tra i più...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/219: DAI CONTI CORRENTI AL GREEN, LA SFIDA DEI BANCARI

A Ca' della Nave il torneo tra gli istituti di credito europei


MARTELLAGO - Patrocinato dalla Federazione Italiana Golf, c’è stato, al Circolo del Golf di Cà della Nave, l’incontro di Golf interbancario, tra i dipendenti degli istituti di credito d’Europa, il 17esimo, che ha impegnato il Club ospitante per cinque giornate. Si...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/218: UN GRANDE MOLINARI INFIAMMA L'OPEN D'ITALIA

La vittoria finale, però, va per un colpo al danese Olesen


SOLANO DEL LAGO (BS) - Eccoci arrivati all’Open d’Italia, il tanto atteso appuntamento, il maggiore del Golf italiano. Prologo domenica 27, in piazza Malvezzi e sul lungolago Cesare Battisti a Desenzano, era festa grande a Soiano del Lago: entusiasmo, curiosità, musica e...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Alla sbarra con l'accusa di violenza sessuale un pensionato di 64 anni di Breda di Piave

STUPRA LA VICINA DI CASA: AL VIA IL PROCESSO A UN PENSIONATO

Avrebbe costretto una giovane a un rapporto sessuale completo


BREDA DI PIAVE – (gp) La dinamica dei fatti la chiarirà il processo, ma l'accusa è chiara: violenza sessuale. Si è aperto infatti il procedimento penale a carico di un pensionato di 64 anni di Breda di Piave reo, secondo il pubblico ministero Valeria Sanzari, titolare delle indagini, di essersi introdotto nella casa della giovane vicina di origine marocchina mentre la donna dormiva nel proprio letto, di essersi infilato sotto le coperte e, usando il peso del proprio corpo, di averla obbligata con la violenza a subire un rapporto sessuale completo.

Un'ipotesi accusatoria confermata dalla vittima, che ha deciso di costituirsi parte civile, ma che viene contestata dall'imputato, difeso dall'avvocato Francesco Murgia. L'uomo infatti nega ogni abuso e nega di aver avuto rapporti sessuali con la vicina, pur conoscendola molto bene visto che le loro case distano soltanto pochi metri.

Ma per l’accusa, tra il 15 e il 25 agosto 2011, quella violenza c'è stata. Il pensionato, dopo essersi introdotto nella camera da letto della donna, si sarebbe piazzato con il corpo sopra quello della magrebina che, sia per lo spavento che per il peso, rimase immobilie e non riuscì a reagire alle voglie del pensionato.

Il 64enne, sempre per l’accusa, riuscì così a consumare un rapporto sessuale completo con la vicina di casa. A denunciare il fatto alle autorità fu la stessa vittima la quale, dopo lo stupro, chiese aiuto a un’amica e le raccontò tutto.