Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/243: IN AUSTRALIA LA COPPA DEL MONDO A SQUADRE

Vince il Belgio, sesta la coppia azzurra Pavan - Paratore


MELBOURNE - Ancora nel clamore del trionfo di Francesco Molinari alla Race To Dubai, i giocatori azzurri sono chiamati a un altro importante appuntamento. A Melbourne, si gioca la 59ª edizione della Isps Handa Melbourne World Cup of Golf, la Coppa del Mondo a squadre che ha luogo al...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/242: SENZA SOSTA, L'EUROPEAN TOUR RIPARTE DA HONG KONG

La prima tappa della nuova stagione all'anglo-indiano Aaron Rai


HONG KONG - Ancora in aria il fragore per il successo di Francesco Molinari, l’European Tour riparte subito per la nuova stagione 2019, come di consueto in anticipo sull’anno solare. Riprende appena una settimana dopo la conclusione del precedente torneo a Dubai, dove Francesco Molinari...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/241: MOLINARI NUMERO UNO IN EUROPA

A Dubai conclusa la stagione del circuito continentale


DUBAI - Sul percorso dello Jumeirah Golf Estates, a Dubai, negli Emirati Arabi Uniti, si gioca l’ultima gara stagionale, il DP World Tour Championship, che va a concludere la “Race to Dubai”, con un montepremi di otto milioni di dollari. Sono ammessi i primi sessanta della...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Alla sbarra con l'accusa di violenza sessuale un pensionato di 64 anni di Breda di Piave

STUPRA LA VICINA DI CASA: AL VIA IL PROCESSO A UN PENSIONATO

Avrebbe costretto una giovane a un rapporto sessuale completo


BREDA DI PIAVE – (gp) La dinamica dei fatti la chiarirà il processo, ma l'accusa è chiara: violenza sessuale. Si è aperto infatti il procedimento penale a carico di un pensionato di 64 anni di Breda di Piave reo, secondo il pubblico ministero Valeria Sanzari, titolare delle indagini, di essersi introdotto nella casa della giovane vicina di origine marocchina mentre la donna dormiva nel proprio letto, di essersi infilato sotto le coperte e, usando il peso del proprio corpo, di averla obbligata con la violenza a subire un rapporto sessuale completo.

Un'ipotesi accusatoria confermata dalla vittima, che ha deciso di costituirsi parte civile, ma che viene contestata dall'imputato, difeso dall'avvocato Francesco Murgia. L'uomo infatti nega ogni abuso e nega di aver avuto rapporti sessuali con la vicina, pur conoscendola molto bene visto che le loro case distano soltanto pochi metri.

Ma per l’accusa, tra il 15 e il 25 agosto 2011, quella violenza c'è stata. Il pensionato, dopo essersi introdotto nella camera da letto della donna, si sarebbe piazzato con il corpo sopra quello della magrebina che, sia per lo spavento che per il peso, rimase immobilie e non riuscì a reagire alle voglie del pensionato.

Il 64enne, sempre per l’accusa, riuscì così a consumare un rapporto sessuale completo con la vicina di casa. A denunciare il fatto alle autorità fu la stessa vittima la quale, dopo lo stupro, chiese aiuto a un’amica e le raccontò tutto.