Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/223: I SOCI AIGG SI SFIDANO SULLE DOLOMITI

Tre giornate in quota tra Alto Adige e Trentino


BOLZANO - Un interessante momento nelle gare dell’Associazione Italiana Giornalisti Golfisti: tre giornate di golf impegnativo, in aggiunta all’annuale challenge, per godere le Dolomiti. Nella giornata di apertura ci spalanca le porte il Golf Club Eppan (Appiano): un campo da golf a...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Processati per direttissima il 22enne Nabil Naysi e il 25enne Mohssine Mouslih

DISORDINI AL CHIOSCO "AL DOMO", CONDANNATI I DUE AGGRESSORI

L'accusa di rapina impropria derubricata in violenza privata


TREVISO – (gp) Erano accusati di danneggiamento, lesioni nei confronti del titolare del chiosco “Al Domo” di via Roma, un bengalese di 36 anni, e di rapina impropria. Ma proprio quest'ultimo reato, il più grave dal punto di vista penale, è stato derubricato in aula in violenza privata, circostanza che ha permesso un contenimento della pena.

Processati per direttissima, il 22enne Nabil Naysi e il 25enne Mohssine Mouslih, entrambi marocchini, sono stati condannati rispettivamente a dieci mesi di reclusione, con sospensione condizionale della pena, e a un anno e quattro mesi. Inizialmente i due, secondo l'accusa, si sarebbero resi responsabili di una vera e propria aggressione ai danni del bengalese.

A scatenare la loro furia, stando alla denuncia, sarebbe stato proprio il titolare del chiosco che aveva messo entrambi alla porta per un motivo condivisibile: ogni volta che i magrebini si recavano lì a mangiare non avrebbero mai pagato il conto.

I due stranieri avrebbero di conseguenza reagito gettando immondizie e bottiglie vuote all'interno del negozio, buttando a terra i panini e immobilizzando il ristoratore prima di darsi alla fuga.