Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Condannato per maltrattamenti in famiglia e sottrazione di persona incapace

PICCHIA LA MOGLIE E SCAPPA CON IL FIGLIO IN INDONESIA: 16 MESI

A denunciare il 38enne la madre del piccolo e ormai sua ex compagna


TREVISO – (gp) Secondo l'accusa avrebbe prima picchiato la moglie facendola sottostare a ogni tipo di umiliazione, poi avrebbe preso il figlio e senza dirle nulla lo avrebbe portato in Indonesia. Una situazione, ancora tutta da chiarire, che ha spinto la donna a denunciare il compagno e a spedirlo di fronte a un giudice per rispondere delle accuse di maltrattamenti in famiglia e sottrazione di persona incapace (perchè al di sotto dei 14 anni).

Il procedimento penale a carico di un padre 39enne si è concluso con una sentenza di condanna a un anno e quattro mesi di reclusione, con sospensione condizionale della pena. L'uomo era accusato di aver in pratica reso la vita impossibile alla compagna. Per tre anni, dal 2006 al 20 marzo del 2009, giorno in cui venne sporta la denuncia, il 39enne l'avrebbe presa a schiaffi, calci e pugni quasi a cadenza.

Ma nell'atto d'accusa presentato all'autorità giudiziaria la donna parla anche di sputi e di secchiate d'acqua gelida che le avrebbe rovesciato addosso. In più l'avrebbe addirittura costretta a mangiare gli avanzi del figlio e a rapporti intimi contro la sua volontà, oltre a impedirle di cercarsi degli amici.

Una situazione che ha toccato l'apice il 20 marzo 2009 quando l'uomo prese il figlio e scappò in Indonesia senza dirle nulla. In aula, nel corso del processo, hanno sfilato i testi del pubblico ministero e quelli della difesa che hanno riposto alle domande delle parti tentando di ricostruire in quadro familiare in cui sarebbero avvenuti i fatti.

Versioni discordanti messe agli atti sulle quali il giudice si è pronunciato a favore della vittima.