Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/200: DUSTIN JOHNSON CAMPIONISSIMO ALLE HAWAII

Il numero uno del ranking trionfa nel Sentry Toornament


TREVISO - Siamo ormai all’undicesimo torneo del PGA americano 2018, il Sentry Tournament of Champions, che si è giocato negli Stati Uniti al Plantation Course di Kapalua, da 4 al 7 gennaio. È l’undicesimo, giacché la prima gara della stagione, il Safeway Open,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/199: NEL 2018 L'OPEN D'ITALIA SUL LAGO DI GARDA

Novità di fine anno dal universo dei green italiani


TREVISO - Notizie che ci sono pervenute negli ultimi giorni e che val la pena di commentare. Cominciamo con l’Open d’Italia. Il 75° open d’Italia, la massima manifestazione nazionale di golf, non si giocherà nel 2018 al Golf Milano, bensì al Gardagolf country...continua

Golf
PILLOLE DI GOLFF/198: SI CONCLUDE IL CIRCUITO EUROPEO FEMMINILE

La protesta delle giocatrici: "Discriminate rispetto ai maschi"


Oggi parliamo di donne, di queste abili signore che si impegnano oltre misura alla ricerca del successo in Campo. A dire il vero, sono arrabbiate le golfiste europee, per la discriminazione che subiscono nel confronto con i maschi. Non conosco i motivi che generano questa scarsa considerazione, non...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Respinta la richiesta di sorveglianza speciale per l'altro attivista Paride Danieli

DISPOSTO L'OBBLIGO DI DIMORA NOTTURNO PER FABIO TOMASELLI

A portarli di fronte al giudice il questore di Treviso Carmine Damiano


TREVISO – (gp) Il verdetto è arrivato: sorveglianza speciale per Fabio Tomaselli (per il quale è stato disposto l'obbligo di dimora dalle 22 alle 6) e nessun provvedimento nei confronti di Paride Danieli. A chiedere la sorveglianza speciale per i due attivisti era stato il questore di Treviso Carmine Damiano.

Venerdì 28 giugno, nel piazzale del tribunale di Treviso, oltre a un folto dispiegamento di forze dell'ordine c'era anche una discreta parte dei 184 firmatari dell'appello rivolto al magistrato chiamato a decidere di non assecondare le richieste del questore.

“Noi sottoscritti, cittadini trevigiani e di tutto il mondo, dichiariamo che Paride e Fabio, al di là di qualsiasi divergenza o differenza politica, sono due persone da anni attive nel tessuto sociale trevigiano, persone impegnate nelle battaglie per la solidarietà, per l’ambiente, per i beni comuni e per questo non possono in alcun modo essere equiparati a dei “delinquenti abituali”.

Poche righe in cui Sergio Zulian, in qualità di portavoce, sosteneva come fosse eccessiva la volontà dei vertici della questura di Treviso. Decisione derivante dalle tensioni sorte nel marzo scorso dopo la manifestazione “Etica ed estetica” promossa dal “Coordinamento studenti medi”: in quell'occasione, anche se non si verificarono scontri, alcuni personaggi armati di pennello e vernice cancellarono una svastica in via Roma e rimosso alcuni adesivi di matrice neonazista.

"Non c'è nessun accanimento e nessuna volontà di penalizzare un movimento politico". Questa la risposta che arriva dalla Questura di Treviso dopo la decisione del tribunale di disporre la sorveglianza speciale a Fabio Tomaselli, che va ad aggiiungersi alle altre 64 persone controllate dalle forze dell'ordine, tra le quali figurano anche due noti esponenti della tifoseria del Treviso Calcio appartenenti a frange di estrema destra, fazione opposta a quella di Tomaselli, segno (sottolinea la questura) che non c'è nessuna discriinazione politica dietro la richiesta dei provvedimenti restrittivi.