Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/219: DAI CONTI CORRENTI AL GREEN, LA SFIDA DEI BANCARI

A Ca' della Nave il torneo tra gli istituti di credito europei


MARTELLAGO - Patrocinato dalla Federazione Italiana Golf, c’è stato, al Circolo del Golf di Cà della Nave, l’incontro di Golf interbancario, tra i dipendenti degli istituti di credito d’Europa, il 17esimo, che ha impegnato il Club ospitante per cinque giornate. Si...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/218: UN GRANDE MOLINARI INFIAMMA L'OPEN D'ITALIA

La vittoria finale, però, va per un colpo al danese Olesen


SOLANO DEL LAGO (BS) - Eccoci arrivati all’Open d’Italia, il tanto atteso appuntamento, il maggiore del Golf italiano. Prologo domenica 27, in piazza Malvezzi e sul lungolago Cesare Battisti a Desenzano, era festa grande a Soiano del Lago: entusiasmo, curiosità, musica e...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/217: IL GOLF FINALMENTE VA IN TELEVISIONE

Sul campo di Ca' della Nave registrata la trasmissione di Bucarelli e Lanza


MARTELLAGO - È ben noto il disappunto del golfista che non è abbonato Sky, per non aver l’opportunità di vedere in chiaro le partite di golf nei programmi nazionali, seppur costretto a pagare il canone Rai. Non saprei a cosa ascrivere questo svantaggio sulla testa degli...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Accuse anche alla famiglia Benetton: "Non hanno mosso un dito"

I SOSPETTI DI DJORDJEVIC: "IL NO DI ZAGO NON L'HO ANCORA CAPITO"

"All'estero giocano club indebitati, in Italia cancellano quelli sani"


TREVISO Coach Sasha Djordievic non ci sta. E' un combattente, non è abituato ad accettare una sconfitta, tantomeno vedere cancellata la sua società e la speranza di continuare ad allenare a Treviso. Insopportabile l'idea, ancor più qualche sospetto che continua a rodergli l'animo. "Ancor oggi mi chiedo perché Bruno Zago abbia rinunciato improvvisamente a far parte di Universo Treviso dopo due mesi e quando c’era ancora tempo. Mi suona davvero molto strano. Sarebbe bastata solo una settimana in più, ma dopo quel no non c’è stato più possibilità di fare niente. Dico un'altra cosa: 5 giorni dopo il ritiro di Zago, avevamo trovato comunque un grosso imprenditore che aveva accettato il progetto, ma non c‘era più tempo. Ugualmente si è riusciti a mettere in piedi una società grazie ad un entusiasmo pazzesco: chapeau a coloro che hanno dato i 100 euro, a chi ci ha messo la faccia, sono loro che vanno elogiati, la Fip invece s'è nascosta dietro la forma, io guardo la sostanza." Da Ponzano non è arrivato altro che un silenzio assordante. "Già, potevano dire: bravi ex capitani, vi diamo una mano, paghiamo io la fidejussione. Niente. E’ come se in Serbia facessero morire la Stella Rossa che ha 15 milioni di debiti: già, poi con chi lo fanno il derby, con il Radnicki? Anche in Grecia e in Spagna ci sono club pieni di debiti ma mica li cancellano, in Italia invece non si accetta una società pulita che ha vinto 19 trofei: ma mi facciano il piacere!"