Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/197: IL RITORNO DI TOGER WOODS

Il campione di nuovo sul green nel "Torneo degli eroi"


NASSAU - Un evento atteso, e da molti auspicato: il fuoriclasse Tiger Woods 41enne di Cypress (California), si rimette in gioco. È sceso in campo dal 30 novembre al 3 dicembre all’Albany Golf Course (par 72) di Nassau, a New Providence sulle isole Bahamas, praticamente a casa sua,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/196: AD ALICANTE LA SFIDA ITALIA - SPAGNA DEI GIORNALISTI

Vincono gli iberici, ma è festa per tutti


ALICANTE (SPA) - Ad Alicante, il match “Periodistas España-Italia”, la tradizionale sfida dei giornalisti spagnoli nostri antagonisti, in un clima di grande amicizia. È il più cordiale e allegro tra gli incontri internazionali che nella stagione vede i giornalisti...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/195: A DUBAI IL GRAN FINALE DELL'EUROPEAN TOUR

Rahm vince il torneo, classifica generale a Fleetwood


DUBAI - Con la disputa del DP World Tour Championship Dubai (16-19 novembre), è terminata al Jumeirah Golf Estates (Par 72), la stagione dell’European Tour cui hanno partecipato i primi sessanta classificati nell’ordine di merito della "Race To Dubai". Unico italiano in gara...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Un anno e un mese di reclusione inflitto ad Armand Gjokeja, 42enne albanese

TORNA IN ITALIA DA CLANDESTINO, PATTEGGIA E VIENE ESPULSO

Beccato a San Polo di Piave in auto assieme a un amico muratore


SAN POLO DI PIAVE – (gp) Il 30 giugno scorso stava riaccompagnando a casa in auto un suo amico muratore il quale era privo di patente perchè gli era stata ritirata per guida in stato d'ebbrezza. Ma Armand Gjokeja, 42enne albanese, era stato espulso dal territorio italiano lo scorso novembre perchè clandestino. Per questo motivo, ovvero per essere rientrato illegalmente nel nostro paese, i carabinieri di di San Polo di Piave gli avevano stretto le manette ai polsi al termine di un normale controllo stradale. Processato per direttissima l'uomo ha patteggiato un anno e un mese di reclusione, con sospensione condizionale della pena, e ha rimediato un'altra espulsione. Domiciliato a San Donà di Piave, l'uomo era già conosciuto dalle forze dell'ordine non solo per la precedente espulsione: il 42enne aveva infatti un precedente per ricettazione dopo essere stato fermato in provincia di Milano in possesso di una pistola detenuta abusivamente. Una volta fermato a San Polo di Piave si era giustificato dicendo che aveva soltanto dato un passaggio a un amico rimasto senza patente pensando di farla franca. Invece, oltre alla condanna, è stato nuovamente munito di un decreto di espulsione e riaccompagnato alla frontiera.