Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/243: IN AUSTRALIA LA COPPA DEL MONDO A SQUADRE

Vince il Belgio, sesta la coppia azzurra Pavan - Paratore


MELBOURNE - Ancora nel clamore del trionfo di Francesco Molinari alla Race To Dubai, i giocatori azzurri sono chiamati a un altro importante appuntamento. A Melbourne, si gioca la 59ª edizione della Isps Handa Melbourne World Cup of Golf, la Coppa del Mondo a squadre che ha luogo al...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/242: SENZA SOSTA, L'EUROPEAN TOUR RIPARTE DA HONG KONG

La prima tappa della nuova stagione all'anglo-indiano Aaron Rai


HONG KONG - Ancora in aria il fragore per il successo di Francesco Molinari, l’European Tour riparte subito per la nuova stagione 2019, come di consueto in anticipo sull’anno solare. Riprende appena una settimana dopo la conclusione del precedente torneo a Dubai, dove Francesco Molinari...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/241: MOLINARI NUMERO UNO IN EUROPA

A Dubai conclusa la stagione del circuito continentale


DUBAI - Sul percorso dello Jumeirah Golf Estates, a Dubai, negli Emirati Arabi Uniti, si gioca l’ultima gara stagionale, il DP World Tour Championship, che va a concludere la “Race to Dubai”, con un montepremi di otto milioni di dollari. Sono ammessi i primi sessanta della...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Un anno e un mese di reclusione inflitto ad Armand Gjokeja, 42enne albanese

TORNA IN ITALIA DA CLANDESTINO, PATTEGGIA E VIENE ESPULSO

Beccato a San Polo di Piave in auto assieme a un amico muratore


SAN POLO DI PIAVE – (gp) Il 30 giugno scorso stava riaccompagnando a casa in auto un suo amico muratore il quale era privo di patente perchè gli era stata ritirata per guida in stato d'ebbrezza. Ma Armand Gjokeja, 42enne albanese, era stato espulso dal territorio italiano lo scorso novembre perchè clandestino. Per questo motivo, ovvero per essere rientrato illegalmente nel nostro paese, i carabinieri di di San Polo di Piave gli avevano stretto le manette ai polsi al termine di un normale controllo stradale. Processato per direttissima l'uomo ha patteggiato un anno e un mese di reclusione, con sospensione condizionale della pena, e ha rimediato un'altra espulsione. Domiciliato a San Donà di Piave, l'uomo era già conosciuto dalle forze dell'ordine non solo per la precedente espulsione: il 42enne aveva infatti un precedente per ricettazione dopo essere stato fermato in provincia di Milano in possesso di una pistola detenuta abusivamente. Una volta fermato a San Polo di Piave si era giustificato dicendo che aveva soltanto dato un passaggio a un amico rimasto senza patente pensando di farla franca. Invece, oltre alla condanna, è stato nuovamente munito di un decreto di espulsione e riaccompagnato alla frontiera.