Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/248: PADRAIG HARRINGTON CAPITANO DELL'EUROPA IN RYDER CUP

Nel 2020 l'irlandese guiderà il team continentale nella sfida agli Usa


ROMA - Sarà l’irlandese Padraig Harrington, a svolgere la missione di Capitano europeo alla Ryder Cup 2020, prossimo appuntamento americano fra Europa e Stati Uniti. Harrington è stato scelto da un Comitato composto dagli ultimi tre capitani del massimo circuito europeo: Paul...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/247: I CAMPIONI DEL PGA INIZIANO L'ANNO ALLE HAWAII

L'outsider Schauffele trionfa nel torneo riservato ai 37 vincitori del circuito


MAUI - Al Plantation Course di Kapalua, è andato in scena l’evento riservato alla crema del PGA, cioè ai 37 che hanno vinto un torneo nel circuito della passata stagione. Il Sentry Tournament of Champions ha luogo sempre durante la prima settimana di gennaio, sempre nel medesimo...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/19: IL MOLINETTO GOLF & COUNTRY CLUB

Dai Celti agli Sforza, a Cernusco sul Naviglio si gioca tra la storia d'Italia


CERNUSCO SUL NAVIGLIO - Quello che colpisce maggiormente arrivando al Golf Molinetto, è di trovarsi all’improvviso in una realtà che si stacca completamente da tutto ciò che la circonda: il territorio tipico della Lombardia produttiva, dove la gente è soprattutto...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Presentato il nuovo mister biancoceleste: "Punterò sui giovani con il 3-4-3"

ECCO AGENORE MAURIZI: "VEDRETE UN TREVISO MOLTO AGGRESSIVO"

Domani a Longarone inizia il ritiro della squadra: 26 elementi


TREVISO - Presentato dal Calcio Treviso il suo nuovo allenatore, Agenore Maurizi, 48 anni venerdì prossimo, romano di Colleferro, da domani inizierà a lavorare nel ritiro di Longarone. Sarà un gruppo di 22-26 giocatori, la maggior parte dei quali deve ancora firmare il contratto. "L'obiettivo è disputare un buon campionato e la valorizzazione dei giovani. Ho scelto il Treviso proprio perché mi è stato proposto un progetto che mi piaceva. Ora, passato il momento burocratico, sono per iniziare a lavorare sul campo, quest‘anno sono stato fermo a sufficienza e mi sono stufato di studiare. Vengo dalla federazione e sono abituato ad una organizzazione maniacale, anche se in 6 anni di Lega Pro mi sono trovato pure in condizioni difficili." Un probabile torneo di Prima Divisione senza retrocessioni vi agevolerà? “Agevolare non è il termine esatto: intanto vediamo cosa dirà il Consiglio Federale, magari aumentano le squadre per i playoff. Diciamo che potrebbe levare un po’ di tensione, mi ricordo la C2 due anni fa con una sola retrocessione e il Catanzaro a -2: ci giocavano gli juniores." Che Treviso vedremo? "Applico un 3-4-3, non fisso: 3 centrali difensivi; 2 centrocampisti di fascia e 2 interni, di cui uno aggressivo e uno più tecnico; due seconde punte e una centrale. Con un modulo così è facile parlare di calcio divertente, poi magari quando vedono che si abbassa a un 5-4-1 dicono che sono un difensivista… Voglio solo un Treviso che giochi la palla, che faccia un calcio fluido e recuperi la palla nella metà campo altrui grazie alla nostra aggressività: non bisogna far giocare l‘avversario. In fase di possesso invece prediligo far gioco fin dal portiere. E questo vale sia in casa che fuori".