Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/223: I SOCI AIGG SI SFIDANO SULLE DOLOMITI

Tre giornate in quota tra Alto Adige e Trentino


BOLZANO - Un interessante momento nelle gare dell’Associazione Italiana Giornalisti Golfisti: tre giornate di golf impegnativo, in aggiunta all’annuale challenge, per godere le Dolomiti. Nella giornata di apertura ci spalanca le porte il Golf Club Eppan (Appiano): un campo da golf a...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Presentato il volumetto su poltrone e compensi della "casta padana"

"IL SALUTO ROMANO DI GENTY? SI COMMENTA DA SOLO"

Il presidente dell'Anpi Lorenzoni liquida il gesto dello "Sceriffo"


TREVISO - Umberto Lorenzoni, presidente dell'Associazione nazionale partigiani d'Italia, quasi non vuole commentare il presunto saluto romano compiuto da Giancarlo Gentilini durante il consiglio comunale. “Gesti che parlano da soli. Gli italiani sanno ben distinguere”. Secondo lo stesso partigiano esistono sono forme di neofascismo più preoccupanti anche nella Marca. L'Anpi di Treviso ha anche raccolto in un volumetto tutti i dati su poltrone e compensi dei diversi esponenti politici al vertice di varie società, creando un “Manuale della casta padana”. Alla base della pubblicazione, le ricerche curate da tempo da Luigi Calesso.