Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/200: DUSTIN JOHNSON CAMPIONISSIMO ALLE HAWAII

Il numero uno del ranking trionfa nel Sentry Toornament


TREVISO - Siamo ormai all’undicesimo torneo del PGA americano 2018, il Sentry Tournament of Champions, che si è giocato negli Stati Uniti al Plantation Course di Kapalua, da 4 al 7 gennaio. È l’undicesimo, giacché la prima gara della stagione, il Safeway Open,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/199: NEL 2018 L'OPEN D'ITALIA SUL LAGO DI GARDA

Novità di fine anno dal universo dei green italiani


TREVISO - Notizie che ci sono pervenute negli ultimi giorni e che val la pena di commentare. Cominciamo con l’Open d’Italia. Il 75° open d’Italia, la massima manifestazione nazionale di golf, non si giocherà nel 2018 al Golf Milano, bensì al Gardagolf country...continua

Golf
PILLOLE DI GOLFF/198: SI CONCLUDE IL CIRCUITO EUROPEO FEMMINILE

La protesta delle giocatrici: "Discriminate rispetto ai maschi"


Oggi parliamo di donne, di queste abili signore che si impegnano oltre misura alla ricerca del successo in Campo. A dire il vero, sono arrabbiate le golfiste europee, per la discriminazione che subiscono nel confronto con i maschi. Non conosco i motivi che generano questa scarsa considerazione, non...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Venerdì mattina aveva investito una 19enne alla fermata dell'autobus a Marocco

SI E' CONSEGNATO ALLA POLIZIA LOCALE: "SONO IO IL PIRATA"

E' un 24enne padovano: si è giusitificato dicendo di aver avuto paura


MOGLIANO VENETO – (gp) Ha confessato il pirata della strada che venerdì mattina ha investito una ragazza di 19 anni mentre stava raggiungendo la fermata dell'autobus a Marocco di Mogliano Veneto. Si tratta di un 24enne di Trebaseleghe che, dopo l'urto che ha scaraventato a terra la giovane, si era dato alla fuga. A portare all'identificazione dell'investitore sono state le indagini serrate della polizia locale di Mogliano Veneto e dei colleghi padovani. Convocato in comando, il giovane ha subito confessato, giustificandosi dicendo di di aver perso il controllo del mezzo, di essersi fermato per vedere se la ragazza stesse bene e poi, preso dal panico, di essere risalito in macchina facendo perdere le proprie tracce. Una versione che comunque non gli permesso di evitare una denuncia per omissione di soccorso. L'unica nota positiva della vicenda è che la ragazza sta molto meglio e, anche se dovrà rimanere in ospedale ancora qualche giorno, le ferite riportate dopo l'impatto sono meno gravi di quello che si pensava all'inizio.