Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Venerdì mattina aveva investito una 19enne alla fermata dell'autobus a Marocco

SI E' CONSEGNATO ALLA POLIZIA LOCALE: "SONO IO IL PIRATA"

E' un 24enne padovano: si è giusitificato dicendo di aver avuto paura


MOGLIANO VENETO – (gp) Ha confessato il pirata della strada che venerdì mattina ha investito una ragazza di 19 anni mentre stava raggiungendo la fermata dell'autobus a Marocco di Mogliano Veneto. Si tratta di un 24enne di Trebaseleghe che, dopo l'urto che ha scaraventato a terra la giovane, si era dato alla fuga. A portare all'identificazione dell'investitore sono state le indagini serrate della polizia locale di Mogliano Veneto e dei colleghi padovani. Convocato in comando, il giovane ha subito confessato, giustificandosi dicendo di di aver perso il controllo del mezzo, di essersi fermato per vedere se la ragazza stesse bene e poi, preso dal panico, di essere risalito in macchina facendo perdere le proprie tracce. Una versione che comunque non gli permesso di evitare una denuncia per omissione di soccorso. L'unica nota positiva della vicenda è che la ragazza sta molto meglio e, anche se dovrà rimanere in ospedale ancora qualche giorno, le ferite riportate dopo l'impatto sono meno gravi di quello che si pensava all'inizio.