Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/223: I SOCI AIGG SI SFIDANO SULLE DOLOMITI

Tre giornate in quota tra Alto Adige e Trentino


BOLZANO - Un interessante momento nelle gare dell’Associazione Italiana Giornalisti Golfisti: tre giornate di golf impegnativo, in aggiunta all’annuale challenge, per godere le Dolomiti. Nella giornata di apertura ci spalanca le porte il Golf Club Eppan (Appiano): un campo da golf a...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Da settembre saranno messi a disposizione 120 posti di lavoro per i neo laureati

NUOVE ASSUNZIONI IN VISTA: AL VIA LA CACCIA AGLI INGEGNERI

Le aziende trevigiane prevedono però di non trovare "manodopera"


TREVISO – (gp) E' partita la caccia agli ingegneri. Le imprese trevigiane cercano questa figura professionale ma faticano, e non poco, a trovarla. A settembre saranno messi a disposizione 120 posti di lavoro per laureati in questa discplina e altri specialisti scientifici, da biologi ad agronomi, zoologi ed esperti in farmacologia. Si tratta di circa il 7% delle assunzioni stimate in provincia nel trimestre estivo dall'Indagine Excelsior, periodica rilevazione sui fabbisogni occupazionali da parte delle ditte nostrane. Occasione ghiotta insomma, anche perchè quasi i due terzi dei contratti offerti saranno a tempo indeterminato. Eppure i datori di lavoro prevedono di rimanere delusi: in sei casi su dieci infatti le aziende segnalano difficoltà a reperire questo tipo di “manodopera”. E la penuria non può essere legata soltanto al fatto che al 71% dei candidati verrà richiesta una precedente esperienza lavorativa nella mansione specifica, o quantomeno nel settore.