Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/244: AUSTRALIA E SUD AFRICA OPEN, DEBACLE AZZURRA

Italiani sottotono negli ultimi due tornei prima delle festività


TREVISO - Due tornei di rilievo dell’European Tour, prima di una breve pausa.  Ad Albany, New Providence, organizzato in combinata tra European Tour e PGA of Australia, si è giocato l’Isps Anda. sul percorso del Royal Pines (par 72) a Benowa, nel Queensland. Montepremi un...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/243: IN AUSTRALIA LA COPPA DEL MONDO A SQUADRE

Vince il Belgio, sesta la coppia azzurra Pavan - Paratore


MELBOURNE - Ancora nel clamore del trionfo di Francesco Molinari alla Race To Dubai, i giocatori azzurri sono chiamati a un altro importante appuntamento. A Melbourne, si gioca la 59ª edizione della Isps Handa Melbourne World Cup of Golf, la Coppa del Mondo a squadre che ha luogo al...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/242: SENZA SOSTA, L'EUROPEAN TOUR RIPARTE DA HONG KONG

La prima tappa della nuova stagione all'anglo-indiano Aaron Rai


HONG KONG - Ancora in aria il fragore per il successo di Francesco Molinari, l’European Tour riparte subito per la nuova stagione 2019, come di consueto in anticipo sull’anno solare. Riprende appena una settimana dopo la conclusione del precedente torneo a Dubai, dove Francesco Molinari...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Studio del sindacato degli atipici della Cigl trevigiana

NELLA MARCA SOLO IL 5% DEI CONTRATTI A TEMPO INDETERMINATO

Sempre meno giovani ottengono un rapporto di lavoro stabile


TREVISO - Calano le assunzioni e aumentano le cessazioni: i trevigiani con un contratto precario vedono sempre più lontana la possibilità di stabilizzare il proprio rapporto li lavoro a tempo indeterminato. Questa l’analisi del Centro Studi della Cgil di Treviso. Secondo la ricerca del sindacato, nel recente passato la trasformazione da tempo determinato a indeterminato riguardava circa un precario su dieci, ma dal 2008 la situazione è andata ulteriormente peggiorando: negli ultimi quattro anni, infatti, il passaggio viene conquistato in non più di un caso su quindici. Con percentuali ancora minori per chi ha contratti in somministrazione o a progetto: solo uno su venti di costoro ottiene l'agognato "posto fisso". “Oltre ai quasi 5mila espulsi dal mercato del lavoro – spiega Giacomo Vendrame, segretario provinciale del Nidil, l'organizzazione dei lavoratori atipici della Cgil – la situazione si aggrava ulteriormente: in provincia di Treviso, infatti, dall’inizio dell’anno solo il 5% ha avuto modo di vedere stabilizzatala propria posizione occupazionale e dunque di reddito, mentre la restante maggioranza continua, quando trova lavoro, a transitare da un contratto atipico all’altro”. Insomma trovare lavoro diventa sempre più difficile: "E chi ci riesce - ribadisce Vendrame - viene imbrigliato in forme di precariato che sempre più raramente sirisolvono in un’occupazione stabile. Questa per i giovani lavoratori è una situazione perversa in cui diventa praticamente impossibile costruirsi un futuro come individuo e come famiglia. Ma per i meno giovani, coloro che a causa del perdurare della crisi vengono espulsi dal sistema produttivo, diventa drammatica”.