Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/248: PADRAIG HARRINGTON CAPITANO DELL'EUROPA IN RYDER CUP

Nel 2020 l'irlandese guiderà il team continentale nella sfida agli Usa


ROMA - Sarà l’irlandese Padraig Harrington, a svolgere la missione di Capitano europeo alla Ryder Cup 2020, prossimo appuntamento americano fra Europa e Stati Uniti. Harrington è stato scelto da un Comitato composto dagli ultimi tre capitani del massimo circuito europeo: Paul...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/247: I CAMPIONI DEL PGA INIZIANO L'ANNO ALLE HAWAII

L'outsider Schauffele trionfa nel torneo riservato ai 37 vincitori del circuito


MAUI - Al Plantation Course di Kapalua, è andato in scena l’evento riservato alla crema del PGA, cioè ai 37 che hanno vinto un torneo nel circuito della passata stagione. Il Sentry Tournament of Champions ha luogo sempre durante la prima settimana di gennaio, sempre nel medesimo...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/19: IL MOLINETTO GOLF & COUNTRY CLUB

Dai Celti agli Sforza, a Cernusco sul Naviglio si gioca tra la storia d'Italia


CERNUSCO SUL NAVIGLIO - Quello che colpisce maggiormente arrivando al Golf Molinetto, è di trovarsi all’improvviso in una realtà che si stacca completamente da tutto ciò che la circonda: il territorio tipico della Lombardia produttiva, dove la gente è soprattutto...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

I prelievi ematici sul corpo dell'infermiera potrebbero fornire il riscontro che manca

L'AUTOPSIA SU LUCIA CENDRON POTREBBE INCHIODARE IL PIRATA

L'incarico conferito al medico legale padovano Claudio Rago


TREVISO – (gp) I risultati dell'autopsia sul corpo di Lucia Cendron, l'infermiera 57enne investita e uccisa mercoledì scorso in via Brilli a Quinto di Treviso, potrebbero fornire agli inquirenti la certezza del profilo genetico del pirata della strada che l'ha abbandonata agonizzante sull'asfalto dopo averla travolta con il suo Ciao Piaggio. L'incarico è stato conferito al professor Claudio Rago, dell'Istituto di medicina legale di Padova, il quale avrà il compito non solo di accertare le cause della morte (purtroppo già chiare visto che sarebbe stato un forte trauma cranico a uccidere la donna) ma di effettuare una serie di prelievi ematici per inchiodare il pirata. Sul corpo della vittima, così come sulla bicicletta e lungo la strada, c'è del sangue, e potrebbe essere quello dell'uomo che l'ha investita e che poi è scappato. Il sostituto procuratore Gabriella Cama, titolare delle indagini per omicidio colposo e omissione di soccorso affidate alla Squadra Mobile di Treviso e alla Polstrada, già nelle prossime ore avrà sul proprio tavolo i primi risultati delle analisi, e il cerchio attorno al responsabile potrebbe chiudersi davvero presto. Al momento gli investigatori stanno battendo tutte le piste, avendo nel mirino già altri sospetti definiti fondati. Mancherebbe insomma soltanto il riscontro scientifico prima di procedere all'arresto del responsabile che, a differenza di quanto si pensava all'inizio, potrebbe avere sul serio le ore contate.

 



Notizie collegateNOTIZIE COLLEGATE Notizie collegate
01/09/2012 - Caccia al "Pirata": le indagini
si allargano anche a Paese

31/08/2012 - Il pirata rimane a piede libero:
scagionato il primo sospettato

30/08/2012 - Il "pirata" ha le ore contate
incastrato da una testimone

29/08/2012 - Motorino travolge bici
morta ciclista 57enne