Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/248: PADRAIG HARRINGTON CAPITANO DELL'EUROPA IN RYDER CUP

Nel 2020 l'irlandese guiderà il team continentale nella sfida agli Usa


ROMA - Sarà l’irlandese Padraig Harrington, a svolgere la missione di Capitano europeo alla Ryder Cup 2020, prossimo appuntamento americano fra Europa e Stati Uniti. Harrington è stato scelto da un Comitato composto dagli ultimi tre capitani del massimo circuito europeo: Paul...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/247: I CAMPIONI DEL PGA INIZIANO L'ANNO ALLE HAWAII

L'outsider Schauffele trionfa nel torneo riservato ai 37 vincitori del circuito


MAUI - Al Plantation Course di Kapalua, è andato in scena l’evento riservato alla crema del PGA, cioè ai 37 che hanno vinto un torneo nel circuito della passata stagione. Il Sentry Tournament of Champions ha luogo sempre durante la prima settimana di gennaio, sempre nel medesimo...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/19: IL MOLINETTO GOLF & COUNTRY CLUB

Dai Celti agli Sforza, a Cernusco sul Naviglio si gioca tra la storia d'Italia


CERNUSCO SUL NAVIGLIO - Quello che colpisce maggiormente arrivando al Golf Molinetto, è di trovarsi all’improvviso in una realtà che si stacca completamente da tutto ciò che la circonda: il territorio tipico della Lombardia produttiva, dove la gente è soprattutto...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Il prossimo 12 novembre il 55enne in aula a Catanzaro con altre sette persone

ANCORA GUAI PER STEFANO GAVIOLI: PERCOLATO VERSATO NEL MAR IONIO

Contestati a vario titolo reati ambientali, truffa e falso


CATANZARO – (gp) Nuovi guai giudiziari per Stefano Gavioli. Dopo l'inchiesta (ancora in fase d'indagine) della Procura di Napoli in merito al crac milionario della “Enerambiente”, la società di famiglia che gestiva la raccolta e il trasporto dei rifiuti nel capoluogo partenopeo, l'imprenditore trevigiano 55enne dovrà comparire di fronte al gup del tribunale di Catanzaro il prossimo 12 novembre per un'altra vicenda legata allo sversamento di percolato nel fiume Alli. Contestati anche pagamenti sospetti per un ammontare di 400 mila euro a ex funzionari dell'ufficio del commissario per l'emergenza rifiuti. Oltre a Stefano Gavioli, all'udienza preliminare saranno presenti altre sette persone: si tratta del suo più stretto collaboratore, Loris Zerbin, 51enne di Campolongo Maggiore (Venezia), che gli è succeduto alla guida delle aziende Sial ed Enerambiente che per anni hanno gestito gli impianti di Alli, di Giovanni Faggiano, 53enne di Brindisi, ex amministratore di una delle società del gruppo creato da Gavioli, Santo Mellace, 51enne di Catanzaro e Antonio Garrubba, 47enne di Isola Capo Rizzuto (Kr), in qualità di tecnici delle stesse aziende, di Giovanbattista Papello, ex componente dell’organismo di vigilanza e controllo dell’ufficio del commissario delegato per l’emergenza rifiuti in Calabria, Adelchi Andrea Ottaviano, responsabile unico del procedimento fra il 2006 e il 2008, e Rocco Tavano, funzionario di supporto al responsabile unico. Gli otto imputati sono chiamati a rispondere, a vario titolo, di reati ambientali, truffa e falso. Stando alle contestazioni mosse dal pm Carlo Villani, Gavioli viene ritenuto il principale responsabile della vicenda riguardante la discarica di Alli. Secondo l'accusa gli imputati avrebbero saputo (Gavioli e Zerbin in primis in qualità di amministratore e direttore della “Enertech”) che il percolato prodotto dalla discarica finiva direttamente nel fiume Alli, quindi dritto nel Mar Ionio. Un comportamento dunque doloso, secondo la procura di Catanzaro, che per poco non avrebbe provocato un disastro ambientale.