Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/223: I SOCI AIGG SI SFIDANO SULLE DOLOMITI

Tre giornate in quota tra Alto Adige e Trentino


BOLZANO - Un interessante momento nelle gare dell’Associazione Italiana Giornalisti Golfisti: tre giornate di golf impegnativo, in aggiunta all’annuale challenge, per godere le Dolomiti. Nella giornata di apertura ci spalanca le porte il Golf Club Eppan (Appiano): un campo da golf a...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Magistrati e personale amministrativo avranno 365 giorni per spostarsi

AL VIA L'ESODO DAI TRIBUNALI, IN UN ANNO IL TRASFERIMENTO A TREVISO

Chiudono le sedi distaccate di Montebelluna, Castelfranco e Conegliano


TREVISO – (gp) Più che un trasferimento sembra un esodo. Una fuga di massa, imposta e non volontaria, che ha già una data entro cui dovrà esaurirsi: 365 giorni. E poi? Tutti a Treviso, ovvero l'unico tribunale che continuerà a esistere in provincia. Il decreto legislativo che ha ridisegnato la geografia della giustizia in Italia è stato pubblicato ed è ormai prossimo all'entrata in vigore (si parla di giorni). Da quel momento ci sarà tempo appena un anno per trasferire fascicoli, archivi, computer e materiale vario da Montebelluna, Castelfranco Veneto e Conegliano, ovvero le tre sedi distaccate che verranno soppresse, a Treviso, che diventerà l'unico polo giuridico della Marca. Oltre a bilici di scatoloni e fogli di carta, a fare le valigie saranno però anche magistrati e personale amministrativo. Ed è proprio questo che più preoccupa. Non tanto gli utenti dei tribunali, quanto le decine e decine di diretti interessati che saranno obbligati a rivedere i propri stili di vita. L'articolo 5 del decreto legislativo sulla nuova organizzazione dei tribunali ordinari e degli uffici del pubblico ministero recita infatti che “i magistrati e il personale amministrativo assegnati agli uffici giudiziari soppressi entrano di diritto a far parte dell'organico dei tribunali e delle procure della Repubblica cui sono trasferite le funzioni, anche in soprannumero riassorbibile con le successive vacanze”. Ciò non si traduce nell'arrivo a Treviso di nuovi magistrati e nuovo personale amministrativo (l'organico infatti non aumenterà di una sola unità), ma nel fatto che verranno soltanto accorpati gli uffici, e di conseguenza le forze, senza modificare i carichi di lavoro che già gravano sul comparto giustizia. Sempre dal decreto del governo arriva però il probabile nome del successore di Giovanni Schiavon alla presidenza del Palazzo di Giustizia di via Verdi. L'articolo 6 dice che “entro 180 giorni dall'entrata in vigore, i magistrati titolari dei posti di presidente del tribunale negli uffici destinati alla soppressione possono chiedere l'assegnazione a posti vacanti pubblicati”. Leggendo tra le righe è più che probabile che il trevigiano Aurelio Gatto, attuale presidente del tribunale di Bassano del Grappa che verrà soppresso, scelga di venire nella Marca a dirigere il tribunale. Una richiesta formale ancora non c'è, ma le condizioni si, eccome.