Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/220: BROOKS KOEPKA FA IL BIS ALL'US OPEN

Il terribile campo di Shinnecock Hills fa strage di big


TREVISO - Risale al 1891 la storia di questo percorso che nasce a 12 buche, alle porte di New York. Seguirono le altre 6 nel 1895, poi subì modifiche nel 1920, per essere completato nel 1931. Oggi il percorso è un par 70 di ben 6.808 metri. Da sempre considerato tra i più...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/219: DAI CONTI CORRENTI AL GREEN, LA SFIDA DEI BANCARI

A Ca' della Nave il torneo tra gli istituti di credito europei


MARTELLAGO - Patrocinato dalla Federazione Italiana Golf, c’è stato, al Circolo del Golf di Cà della Nave, l’incontro di Golf interbancario, tra i dipendenti degli istituti di credito d’Europa, il 17esimo, che ha impegnato il Club ospitante per cinque giornate. Si...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/218: UN GRANDE MOLINARI INFIAMMA L'OPEN D'ITALIA

La vittoria finale, però, va per un colpo al danese Olesen


SOLANO DEL LAGO (BS) - Eccoci arrivati all’Open d’Italia, il tanto atteso appuntamento, il maggiore del Golf italiano. Prologo domenica 27, in piazza Malvezzi e sul lungolago Cesare Battisti a Desenzano, era festa grande a Soiano del Lago: entusiasmo, curiosità, musica e...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Il killer di Eliseo David ancora a processo assieme alla moglie, Annamaria Volpe

GENNARO GEREMIA TORNA IN AULA, STAVOLTA CON L'ACCUSA DI TRUFFA

Simulando incidenti stradali avrebbero raggirato un'assicurazione


TREVISO – (gp) Dopo essere stato condannato all'ergastolo e a sei mesi di isolamento diurno per l'omicidio di Eliseo David, Gennaro Geremia è tornato di fronte a un giudice. Stavolta però chiamato a rispondere dell'accusa di truffa assieme alla moglie Annamaria Volpe.

Si è aperto infatti il processo a carico dei due coniugi accusati di aver messo in piedi un raggiro di diverse migliaia di euro (pare una ventina anche se l'esatto ammontare del danno verrà quantificato nel corso del procedimento penale che è stato aggiornato al prossimo 3 giugno).

Stando a quanto sostenuto dagli inquirenti che avevano chiesto e ottenuto il rinvio a giudizio di marito e moglie, Geremia e la Volpe avrebbero messo in atto un raggiro ai danni di una compagnia assicurativa di San Polo di Piave. Secondo le accuse i due, falsificando i libretti di circolazione di 20 tra auto e moto, e stipulando presso l'agenzia “Valpiave assicurazioni spa” altrettante polizze assicurative, avrebbero simulato un numero non meglio precisato di incidenti stradali di media entità (all'incirca mille euro di danni a sinistro) allo scopo di incassare il rimborso economico erogato direttamente dalla compagnia assicurativa.

Una condotta, quella contestata ai due coniugi, che sarebbe andata avanti per un mese, dal 26 marzo al 22 aprile del 2009, rispettivamente i giorni del primo e dell'ultimo incidente simulato. A denunciarli è stata la stessa compagnia assicurativa tramite l'agente generale della Valpiave, parte offesa a processo, che ha sporto querela nei confronti di Geremia e della moglie il 18 giugno 2009, dando di fatto il via alle indagini.