Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/248: PADRAIG HARRINGTON CAPITANO DELL'EUROPA IN RYDER CUP

Nel 2020 l'irlandese guiderà il team continentale nella sfida agli Usa


ROMA - Sarà l’irlandese Padraig Harrington, a svolgere la missione di Capitano europeo alla Ryder Cup 2020, prossimo appuntamento americano fra Europa e Stati Uniti. Harrington è stato scelto da un Comitato composto dagli ultimi tre capitani del massimo circuito europeo: Paul...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/247: I CAMPIONI DEL PGA INIZIANO L'ANNO ALLE HAWAII

L'outsider Schauffele trionfa nel torneo riservato ai 37 vincitori del circuito


MAUI - Al Plantation Course di Kapalua, è andato in scena l’evento riservato alla crema del PGA, cioè ai 37 che hanno vinto un torneo nel circuito della passata stagione. Il Sentry Tournament of Champions ha luogo sempre durante la prima settimana di gennaio, sempre nel medesimo...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/19: IL MOLINETTO GOLF & COUNTRY CLUB

Dai Celti agli Sforza, a Cernusco sul Naviglio si gioca tra la storia d'Italia


CERNUSCO SUL NAVIGLIO - Quello che colpisce maggiormente arrivando al Golf Molinetto, è di trovarsi all’improvviso in una realtà che si stacca completamente da tutto ciò che la circonda: il territorio tipico della Lombardia produttiva, dove la gente è soprattutto...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Respinge le accuse Enrico Zanardo, uno dei 18 indagati per associazione paramilitare

"INCREDULO E AMAREGGIATO, CON IL MOVIMENTO NON C'ENTRO NULLA"

Il leghista di San Biagio di Callalta chiede di essere interrogato dal pm


SAN BIAGIO DI CALLALTA – (gp) “Sono incredulo e amareggiato. Ma soprattutto non c'entro nulla con il Movimento di Liberazione del Popolo Veneto”. Parola di Enrico Zanardo, uno dei 18 indagati nell'ambito dell'inchiesta ribattezzata “Polisia Veneta 2” raggiunto da un avviso di garanzia per l'ipotesi di reato di associazione paramilitare.

Il giovane, la cui abitazione è stata perquisita dando esito negativo (non sono state rinvenute infatti armi, divise o stemmi di sorta), è il primo dei presunti militanti a discostarsi dai “vertici” del movimento (Sergio Bortotto, il presidente nonchè addetto alla sicurezza dell'Ipermercato Panorama di Villorba, e Paolo Gallina, comandante della polizia locale di Cornuda) e a respingere pubblicamente le accuse mosse a suo carico.

Per farlo si è affidato ai suoi legali, gli avvocati Alessandra Nava e Antonio Pavan, i quali sottolineano come Enrico Zanardo abbia già comunicato al pm Giovanni Valmassoi, titolare dell'inchiesta, la volontà di essere sentito per far emergere, già in fase d'indagine, la sua totale e completa estraneità alla vicenda.

“Enrico è militante leghista nel Comune di San Biagio di Callalta, fa parte di alcune associazioni culturali, della Protezione Civile e coltiva l'interesse per la storia e la filosofia, corso universitario che frequenta all'università Ca' Foscari di Venezia. Non conosceva il Movimento, di cui non ne aveva mai sentito parlare – dicono i legali – Ad aprile 2012, tramite un amico, venne invitato a una riunione in cui si parlava dell'aspetto storico del Veneto. Dopo qualche settimana partecipò a un altro incontro in cui si discusse del Veneto tra il 1797 e il 1805. Vista la sua preparazione che si legge negli interventi che svolse, a Enrico venne chiesto di redigere alcuni contributi di carattere storico. Rischiesta che venne soddisfatta con piacere. A partire da agosto però – sottolineano i legali – Enrico si rende conto che gli ultimi articoli scritti, e il progetto di organizzare una serata con proiezioni di filmati storici sull'immigrazione veneta, non raccolsero il favore del Movimento e perde l'interesse che lo aveva portato ad avvicinarsi. Questo in sintesi – concludono gli avvocati Nava e Pavan – l'apporto che Enrico ha dato al Movimento, nulla più”.

Una prima presa di posizione che potrebbe fare da apripista ad altre prima che le indagini vengano chiuse e il pm formalizzi le accuse e la successiva richiesta di rinvio a giudizio.