Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/248: PADRAIG HARRINGTON CAPITANO DELL'EUROPA IN RYDER CUP

Nel 2020 l'irlandese guiderà il team continentale nella sfida agli Usa


ROMA - Sarà l’irlandese Padraig Harrington, a svolgere la missione di Capitano europeo alla Ryder Cup 2020, prossimo appuntamento americano fra Europa e Stati Uniti. Harrington è stato scelto da un Comitato composto dagli ultimi tre capitani del massimo circuito europeo: Paul...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/247: I CAMPIONI DEL PGA INIZIANO L'ANNO ALLE HAWAII

L'outsider Schauffele trionfa nel torneo riservato ai 37 vincitori del circuito


MAUI - Al Plantation Course di Kapalua, è andato in scena l’evento riservato alla crema del PGA, cioè ai 37 che hanno vinto un torneo nel circuito della passata stagione. Il Sentry Tournament of Champions ha luogo sempre durante la prima settimana di gennaio, sempre nel medesimo...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/19: IL MOLINETTO GOLF & COUNTRY CLUB

Dai Celti agli Sforza, a Cernusco sul Naviglio si gioca tra la storia d'Italia


CERNUSCO SUL NAVIGLIO - Quello che colpisce maggiormente arrivando al Golf Molinetto, è di trovarsi all’improvviso in una realtà che si stacca completamente da tutto ciò che la circonda: il territorio tipico della Lombardia produttiva, dove la gente è soprattutto...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

A rischio 15 posti di lavoro su 31 nel reparto selezione

CENTRO RICICLO VEDELAGO È SCONTRO AZIENDA - SINDACATI

L'impresa rifiuta la cig: dichiarato lo stato di agitazione


VEDELAGO - L’incontro svoltosi nel pomeriggio di martedì 18 settembre con la proprietà del Centro riciclo di Vedelago non ha avuto gli esiti sperati. Alle proposte unitarie di Fit Cisl Treviso e Fp Cgil Treviso, con cui si chiedeva il ricorso alla cassa integrazione straordinaria per evitare la messa in mobilità di 15 (su 31) lavoratori del reparto selezione e un maggiore impegno nel proseguire con il programma di riorganizzazione finalizzato all’aumento della produttività, l’azienda ha risposto con un chiaro no, ritenendo, addirittura, che il ricorso alla cig fosse un “premio” non meritato dai lavoratori. Incomprensibile l’atteggiamento dimostrato dall’azienda decisa a ridurre il proprio organico di 15 unità impiegate nel reparto di selezione. “Il lavoro di parecchi mesi per costruire delle proficue relazioni sindacali - afferma Nicola Toffoli, segretario generale della Fit Cisl di Treviso - è stato vanificato da un atteggiamento indice di una scarsa responsabilità sociale che invece un imprenditore lungimirante dovrebbe avere; fino a questo momento abbiamo cercato di tenere i toni bassi per non creare inutili tensioni anche tra i lavoratori, ma oggi abbiamo provveduto a dichiarare formalmente lo stato di agitazione”. “Sembra - aggiunge Marta Casarin della Fp Cgil Treviso - più che altro una decisione dettata da logiche che nulla hanno a che vedere con un’analisi vera della situazione, ma che rispondono più a ‘rivendicazioni”’ aziendali che non potranno che scontrarsi con tutti i lavoratori. Ricordo che la nostra proposta avrebbe dato la possibilità all'azienda di avviare tutti i percorsi utili per una possibile ripresa e stabilizzazione dell'attività lavorativa”.