Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Treviso, bulbo oculare interamente ricostruito, trapiantata la cornea

FUCILATA AL VOLTO, I MEDICI SALVANO L'OCCHIO AD UN 24ENNE

Intervento di oltre sei ore dell'equipe del dottor Giuseppe Scarpa


TREVISO - Eccezionale intervento ricostruttivo al reparto di Oculistica dell’Ospedale Ca’ Foncello dell’Azienda Ulss 9 di Treviso. L’occhio destro di un giovane, lacerato gravissimamente nei giorni scorsi da una fucilata al volto sparata per errore dal padre (poi denunciato dai carabinieri), è stato ricostruito nella sua sede. L’equipe diretta dal dr. Giuseppe Scarpa lo ha ricomposto ieri durante un intervento chirurgico di circa 6 ore, ricollegando le diverse parti lacerate ed ha proceduto anche al trapianto della cornea. Il paziente per ora ha riacquistato pienamente l’estetica, ora i medici sono al lavoro per recuperare quanto possibile della funzionalità. “Il paziente – spiega il dr. Giuseppe Scarpa, direttore dell’Unità Operativa di Oculistica – aveva avuto l’occhio violentemente trapassato da un corpo estraneo con danni molto rilevanti. L’occhio, infatti, è stato lacerato e frammentato in più parti  ed ha riportato la distruzione totale della cornea. Inoltre, nell’uscita dall’occhio il corpo estraneo ha lacerato anche la zona retrostante conficcandosi in altra sede con conseguente emorragia. Dopo i primi interventi al Pronto Soccorso e il ricovero in Neurochirurgia, il giovane è stato stabilizzato. Ci siamo trovati di fronte ad un occhio pressoché distrutto (in un primo momento dopo l’incidente ci si è limitati solo alla chiusura delle ferite) in condizioni che generalmente consigliano di enuclearlo. Ma la giovane età del ragazzo ci ha spinto a valutare una soluzione alternativa e su questa linea abbiamo deciso di procedere d’accordo con la famiglia”.

 In collaborazione con la 3. Radiologia, diretta dal dr. Francecso Di Paola, è stata ricostruita la traiettoria dei corpi estranei consentendo all’equipe di Oculistica di individuare con precisione tutte le frammentazioni. Di seguito, ieri mattina, è stato avviato l’intervento ricostruttivo che, della durata di circa 6 ore, si è articolato prevalentemente in due fasi.

 “Io mi sono occupato della ricostruzione della parte posteriore - prosegue il dr. Scarpa - il dottor Claudio Gorla ha invece proceduto a ricomporre la parte anteriore ed al trapianto della cornea. Si è trattato di un intervento ricostruttivo piuttosto lungo e complesso ma la ricostruzione anatomica è pienamente riuscita. Il giovane non ha perso l’occhio come era invece prevedibile, quindi almeno sul piano psicologico e dell’aspetto esteriore il risultato ottenuto è già importante. Ma ora stiamo lavorando sul recupero in qualche misura anche della funzionalità”.

 “L’intervento portato a termine dall’equipe del dottor Scarpa è veramente notevole – commenta il Direttore generale Claudio Dario -. E’ il segno di quale elevato livello di specializzazione e di quale alta professionalità dispongano le nostre strutture sanitarie. Molto spesso nell’immaginario collettivo si pensa che queste cose avvengano solo all’estero o in pochissimi centri altisonanti senza pensare di quale preparazione, esperienza e capacità professionale dispongono in nostri operatori e come la mettano in pratica ogni giorno.  Mi compiaccio con tutta l’equipe del dottor Scarpa ed auguro una buona guarigione al paziente”.