Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Il presidente di Treviso Basket rievoca i tempi del suo esordio nella pallacanestro

VAZZOLER TRA PASSATO E PRESENTE: "FARAM E LIBERTI, CHE RICORDI..."

Domenica atteso debutto della sua squadra al Natatorio con il Quinto


TREVISO - Domenica prossima alle 20, alla palestra del Centro Natatorio, ci sarà il debutto casalingo di Treviso Basket, avversario il Quinto, campionato di Promozione. Una partita in un ambiente ricco di fascino e di ricordi, che rimanda naturalmente ai tempi mitici della Faram prima e della Liberti poi, squadre che giocavano proprio su quel parquet e che diedero poi vita alla grande pallacanestro a Treviso, targata successivamente Benetton. Un protagonista di quei tempi, giovane ed inesperto giocatore allora, affermato professionista oggi, cioè Paolo Vazzoler, è il presidente di Treviso Basket. Per lui come per tanti altri sarà un ritorno alle origini, un tuffo nel passato di oltre 30 anni. "I miei ricordi non si legano ad una singola gara ma ai tre incredibili anni al Natatorio-ricorda Vazzoler-cominciai non ancora 16enne passando anche 5 ore al giorno in palestra (giovanili, poi prima squadra) e mentre De Sisti mi urlava nelle orecchie pensavo che a casa dovevo ancora finire la versione di latino. Ma c'era anche la sede in via Barberia, i Due Mori, una città che aspettava la domenica." Emozioni allora come oggi... "Chiaro. Quando dal campetto del Gymnasium mi allenavo al Natatorio con la Faram avevo le emozioni di un ragazzino a Natale. Il desiderio che diventava realtà, il sogno vissuto da sveglio, il timore reverenziale per i miei nuovi compagni, signori a cui davo del lei, salvo poi esserne diventato amico. Ora i sogni sono diversi, Treviso non è più la stessa, ci sono 30 anni di successi, una platea che ha visto i migliori giocatori del mondo e che chiede di poter continuare a sperare che tutto ciò possa ripetersi, ma restano i ragazzi che hanno la mia età di allora. Non danno più del lei, sono smaliziati, coccolati, ma conto e spero abbiamo lo stesso sogno, l’amore per ciò che fanno che ho avuto io. Spero soprattutto abbiano la stessa fortuna."

Nella foto, tratta da Benetton Basket Year Book, la formazione della Faram 1977, diventata poi Liberti.