Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 
ASCOLTA IL SERVIZIO ON-LINEAscolta la notizia

San Vendemiano, accendeva i roghi con la "diavolina" e poi li filmava

"PIROMANE SERIALE" INCASTRATO DALLE TELECAMERE DI VIA EUROPA

Il 20enne ha confessato tutto alla polizia, sarà denunciato


SAN VENDEMIANO - Sette roghi tra via via Foscolo e via Europa a San Vendemiano: tre nella serata del 2 ottobre, altri quattro esattamente una settimana dopo. In fiamme tende, tavolini ed altro materiale all'esterno di abitazioni, negozi, bar. Il “piromane”, responsabile dei roghi, è un 20enne del posto che è stato denunciato dalla polizia per incendio doloso. Il ragazzo accendeva i fuochi utilizzando della “diavolina”, il suo marchio di fabbrica, e poi immortalava le fiamme con il telefono cellulare, prima di scappare. Parte delle foto scattate sono state cancellate dal ragazzo stesso che ormai aveva capito che sarebbe stato beccato dalla polizia di li a poco.

“Rispondeva ad una pulsione incontrollabile” dicono gli investigatori. Ad incastrarlo sono state le telecamere della zona di via Europa che immortalavano il giovane mentre, incappucciato, dava alle fiamme ciò che trovava: ora la sua posizione è al vaglio del magistrato. In casa gli agenti hanno trovato gli indumenti usati nel corso dei raid: cappuccio, giacca in jeans, pantaloni grigi e scarpe da ginnastica. Il ragazzo ha ammesso ogni responsabilità sugli episodi che gli sono stati contestati. “Per fortuna l'allarme sociale è stato ridimensionato” ha commentato il dirigente del Commissariato di Conegliano, Claudio Di Paola.