Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/197: IL RITORNO DI TOGER WOODS

Il campione di nuovo sul green nel "Torneo degli eroi"


NASSAU - Un evento atteso, e da molti auspicato: il fuoriclasse Tiger Woods 41enne di Cypress (California), si rimette in gioco. È sceso in campo dal 30 novembre al 3 dicembre all’Albany Golf Course (par 72) di Nassau, a New Providence sulle isole Bahamas, praticamente a casa sua,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/196: AD ALICANTE LA SFIDA ITALIA - SPAGNA DEI GIORNALISTI

Vincono gli iberici, ma č festa per tutti


ALICANTE (SPA) - Ad Alicante, il match “Periodistas España-Italia”, la tradizionale sfida dei giornalisti spagnoli nostri antagonisti, in un clima di grande amicizia. È il più cordiale e allegro tra gli incontri internazionali che nella stagione vede i giornalisti...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/195: A DUBAI IL GRAN FINALE DELL'EUROPEAN TOUR

Rahm vince il torneo, classifica generale a Fleetwood


DUBAI - Con la disputa del DP World Tour Championship Dubai (16-19 novembre), è terminata al Jumeirah Golf Estates (Par 72), la stagione dell’European Tour cui hanno partecipato i primi sessanta classificati nell’ordine di merito della "Race To Dubai". Unico italiano in gara...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 
ASCOLTA IL SERVIZIO ON-LINEAscolta la notizia

Il campo di concentramento di Treviso (1942-43)

IL LIBRO: DI LĄ DEL MURO

Seconda parte dell'intervista alla professoressa Francesca Meneghetti


Seconda parte dell'intervista alla professoressa Francesca Meneghetti sul volume “Di là del muro. Il campo di concentramento di Treviso (1942-43)”, edito dall'Istresco, l'Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea della Marca trevigiana. In questa seconda puntata ci siamo soffermati con l'autrice sulla questione della memoria collettiva, per indagare i motivi che hanno portato, dal dopoguerra a oggi, a ignorare questa realtà. Fatto che solo in parte si spiega con un cambiamento di destinazione d'uso del campo: se dal luglio del '42 al settembre '43 l'area era stata usata per internare civili deportati dai territori occupati della Jugoslavia, dalla fine della seconda guerra mondiale, per alcuni mesi, lo stesso campo assume la funzione di luogo di accoglienza per profughi di origine jugoslava, in fuga dal regime di Tito.

Nel tentativo di far luce sulla vicenda, abbiamo anche cercato di capire le differenze tra i campi destinati ai civili jugoslavi e quelli alla popolazione ebrea e poi, tornando al caso trevigiano, se vi sono state delle figure che si sono distinte nel bene.

Il discorso dell'affermazione della memoria prosegue oggi nella proposta, avanzata dalla professoressa Meneghetti e dall'Istresco, di dedicare una lapide alle vittime del campo di concentramento, che potrebbe trovare luogo nel quartiere latino, in quello che fu l'ex Ospedale di Treviso.


Link alla prima parte dell'intervista




Notizie collegateNOTIZIE COLLEGATE Notizie collegate
02/10/2012 - Il libro: Il dolce della vita
25/09/2012 - Il libro: Accetta la e-sfida
18/09/2012 - Il libro: Donne da viaggio
26/06/2012 - Il libro: Paris Kebab
19/06/2012 - Il libro: Il Ponte della memoria
14/06/2012 - Il libro: Il Signore dei Colori
05/06/2012 - Il libro: Irene e la conchiglia
29/05/2012 - Il libro: Veneto e Nuvole
22/05/2012 - Il libro: Anime slegate
15/05/2012 - Il libro: Percio' veniamo bene nelle fotografie
08/05/2012 - Il libro: Donna, alla ricerca dell'origine
02/05/2012 - Il libro: Sweet Salgari
24/04/2012 - Il libro: Cģngali, marąja e servitori
18/04/2012 - Il libro: Come se Dio esistesse
03/04/2012 - Il libro: Dalla nebbia alle nuvole