Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/247: I CAMPIONI DEL PGA INIZIANO L'ANNO ALLE HAWAII

L'outsider Schauffele trionfa nel torneo riservato ai 37 vincitori del circuito


MAUI - Al Plantation Course di Kapalua, è andato in scena l’evento riservato alla crema del PGA, cioè ai 37 che hanno vinto un torneo nel circuito della passata stagione. Il Sentry Tournament of Champions ha luogo sempre durante la prima settimana di gennaio, sempre nel medesimo...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/19: IL MOLINETTO GOLF & COUNTRY CLUB

Dai Celti agli Sforza, a Cernusco sul Naviglio si gioca tra la storia d'Italia


CERNUSCO SUL NAVIGLIO - Quello che colpisce maggiormente arrivando al Golf Molinetto, è di trovarsi all’improvviso in una realtà che si stacca completamente da tutto ciò che la circonda: il territorio tipico della Lombardia produttiva, dove la gente è soprattutto...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/246: DAL 2019 IN VIGORE LE NUOVE REGOLE DI GIOCO

Le norme ridotte a 24: ecco le principali novità


TREVISO - Erano trentaquattro le Regole del Golf; erano tante, e soprattutto abbastanza complicate da ricordare, per il neofita che le doveva capire, memorizzare, e poi correttamente applicare.Dal 1° gennaio 2019 sarà in uso una versione rivisitata, principalmente finalizzata ad una...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

"Troppe polemiche e poco valorizzate: me le riprendo"

VIA LE SCULTURE DALLA PESCHERIA LO CHIEDE L'AUTORE DELLE OPERE

Lo scultore Cadavello ritira la donazione dei pesci in ferro battuto


TREVISO - Via i pesci in ferro battuto dall'isola della Pescheria. A chiederlo è lo stesso autore delle sculture, Renato Cadavello, maestro della lavorazione del ferro, allievo di Toni Benetton. L'artista trevigiano vuole riprendersi la carpa e il pesce spada che aveva donato l'anno scorso al Comune: alla base della decisione, come spiega lui stesso, la delusione per le polemiche e le difficoltà legate ad un altra sua creazione, il cosiddetto "Pesce fantastico", a sua volta regalato all'amministrazione comunale per ornare l'area dell'isola della Pescheria. L'opera era stata prima posizionata in un punto ed inaugurata, poi spostata in un altro, poi rimossa del tutto all'improvviso. Era stata accusata di essere troppo stilizzata. Cadavello aveva allora offerto al Comune due scultura più realistiche, collocate in mezzo al Cagnan. Ma ora ci ha ripensato, ritenendo le due realizzazioni, non valorizzate a sufficienza ed ha ritirato la donazione: le opere verranno tolte e restituite. Ma l'artista rilancia anche la questione, già sollevata in città, sul proliferare delle sculture donate da vari soggetti ed accette dall'amministrazione senza una selezione.