Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

"Troppe polemiche e poco valorizzate: me le riprendo"

VIA LE SCULTURE DALLA PESCHERIA LO CHIEDE L'AUTORE DELLE OPERE

Lo scultore Cadavello ritira la donazione dei pesci in ferro battuto


TREVISO - Via i pesci in ferro battuto dall'isola della Pescheria. A chiederlo è lo stesso autore delle sculture, Renato Cadavello, maestro della lavorazione del ferro, allievo di Toni Benetton. L'artista trevigiano vuole riprendersi la carpa e il pesce spada che aveva donato l'anno scorso al Comune: alla base della decisione, come spiega lui stesso, la delusione per le polemiche e le difficoltà legate ad un altra sua creazione, il cosiddetto "Pesce fantastico", a sua volta regalato all'amministrazione comunale per ornare l'area dell'isola della Pescheria. L'opera era stata prima posizionata in un punto ed inaugurata, poi spostata in un altro, poi rimossa del tutto all'improvviso. Era stata accusata di essere troppo stilizzata. Cadavello aveva allora offerto al Comune due scultura più realistiche, collocate in mezzo al Cagnan. Ma ora ci ha ripensato, ritenendo le due realizzazioni, non valorizzate a sufficienza ed ha ritirato la donazione: le opere verranno tolte e restituite. Ma l'artista rilancia anche la questione, già sollevata in città, sul proliferare delle sculture donate da vari soggetti ed accette dall'amministrazione senza una selezione.