Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/197: IL RITORNO DI TOGER WOODS

Il campione di nuovo sul green nel "Torneo degli eroi"


NASSAU - Un evento atteso, e da molti auspicato: il fuoriclasse Tiger Woods 41enne di Cypress (California), si rimette in gioco. È sceso in campo dal 30 novembre al 3 dicembre all’Albany Golf Course (par 72) di Nassau, a New Providence sulle isole Bahamas, praticamente a casa sua,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/196: AD ALICANTE LA SFIDA ITALIA - SPAGNA DEI GIORNALISTI

Vincono gli iberici, ma è festa per tutti


ALICANTE (SPA) - Ad Alicante, il match “Periodistas España-Italia”, la tradizionale sfida dei giornalisti spagnoli nostri antagonisti, in un clima di grande amicizia. È il più cordiale e allegro tra gli incontri internazionali che nella stagione vede i giornalisti...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/195: A DUBAI IL GRAN FINALE DELL'EUROPEAN TOUR

Rahm vince il torneo, classifica generale a Fleetwood


DUBAI - Con la disputa del DP World Tour Championship Dubai (16-19 novembre), è terminata al Jumeirah Golf Estates (Par 72), la stagione dell’European Tour cui hanno partecipato i primi sessanta classificati nell’ordine di merito della "Race To Dubai". Unico italiano in gara...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Chiesta l'archiviazione del fascicolo per la morte di Janos Both, 41enne romeno

PNEUMATICO SCOPPIA E LO UCCIDE, GIOVANNI CALLEGARI E' INNOCENTE

Il titolare della Callegari Recuperi era indagato per omicidio colposo


NERVESA DELLA BATTAGLIA – (gp) Indagato per omicidio colposo, secondo la Procura non ha responsabilità per quanto accaduto. Per questo è stata chiesta l'archiviazione della posizione di Giovanni Callegari, il titolare della Callegari Recuperi srl di Bavaria di Nervesa della Battaglia. Il fascicolo a suo carico era stato aperto dopo la morte di Janos Both, un suo dipendente di 41 anni di origini romene, rimasto ucciso dallo scoppio di una ruota del trattore d'epoca che stava gonfiando. Le conclusioni degli inquirenti, dopo gli accertamenti effettuati, hanno stabilito che l'operaio è rimasto vittima di un tragico incidente causato da una fatalità o al massimo da un suo errore, ma non di certo da qualche negligenza del titolare in materia di sicurezza. Il 22 marzo scorso la camera d'aria dello pneumatico è stata gonfiata troppo, non potendo reggere alla quantità di atmosfere immesse dal compressore. Lo scoppio della gomma scagliò il cerchione del mezzo in pieno volto allo sfortunato operaio che si accasciò a terra in un lago di sangue. L'uomo fu subito trasportato all'ospedale Ca' Foncello in condizioni gravissime e sottoposto a un delicato intervento di neurochirurgia. Nonostante il prodigarsi dei sanitari, Janos Both morì dopo un paio di giorni di agonia.