Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/223: I SOCI AIGG SI SFIDANO SULLE DOLOMITI

Tre giornate in quota tra Alto Adige e Trentino


BOLZANO - Un interessante momento nelle gare dell’Associazione Italiana Giornalisti Golfisti: tre giornate di golf impegnativo, in aggiunta all’annuale challenge, per godere le Dolomiti. Nella giornata di apertura ci spalanca le porte il Golf Club Eppan (Appiano): un campo da golf a...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Il 2 agosto scorso, lungo la Restera, avrebbe tentato di abusare di una 30enne

BADIE TOUNKARA SUBITO IN AULA: PROCESSO LAMPO PER IL MANIACO

Chiesto il giudizio immediato per l'accusa di violenza sessuale


CASALE SUL SILE – (gp) Processo lampo per Badie Tounkara, il maniaco della Restera. Il sostituto procuratore Francesca Torri ha infatti depositato la richiesta di giudizio immediato per l'ivoriano di 24 anni residente a Silea accusato di violenza sessuale ai danni di una segretaria croata di 30 anni. Nonostante l'uomo avesse negato ogni addebito nel corso dell'interrogatorio di convalida dell'arresto, il racconto della vittima risulta talmente dettagliato da poter, da solo, sostenere l'accusa di fronte ai giudici del tribunale di Treviso. I fatti risalgono al 2 agosto scorso quando la ragazza, che stava facendo jogging lungo la Restera a Csale sul Sile, venne avvicinata da Tounkara. Il giovane le avrebbe chiesto di tradurgli un sms che era arrivato al suo cellulare e poi avrebbe cercato di attaccare bottone. Dalle parole il 24enne sarebbe passato ai fatti: quando vide che la 30enne si stava allontanando, lui l'avrebbe prima inseguita, poi colta alle spalle e infine stesa a terra, cercando di toglierle la maglietta. Fortunatamente l'abbaiare del cane e le urla della vittima avrebbero convinto il maniaco a desistere e a fuggire. Pur sotto choc la donna riuscì a dare l'allarme ai carabinieri fornendoun identikit del violentatore. Informazioni preziose che misero i militari nelle condizioni di fermarlo poco dopo a San Cipriano di Roncade. Interrogato dal gip Umberto Donà, l'uomo aveva ricostruito però la vicenda in maniera diversa rispetto a quanto riferito ai carabinieri dalla presunta vittima: aveva confermato di aver avvicinato la ragazza chiedendole di tradurre un sms. Poi le due storie prendono strade diverse: Tounkara disse di averla abbracciata come segno di riconoscenza e lei, sorpresa dal gesto, si sarebbe divincolata cadendo a terra. “Non sono un maniaco – avrebbe detto al giudice – e poi in periodo di ramadan è vietato toccare le donne. Non avrei potuto metterle le mani addosso”.