Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Treviso, il proprietario (non alla guida) è un 46enne kosovaro di Casier

NON SI FERMA ALL'ALT E SCAPPA PAURA IN CENTRO STORICO

"Gazzella" all'inseguimento, Clio riesce a dileguarsi


TREVISO - Attimi di tensione nel pomeriggio di ieri in centro storico a Treviso per un rocambolesco inseguimento tra i carabinieri ed una Renault Clio che non si è fermata all'alt dei militari ad un posto di blocco, in via Roma. L'episodio verso le 16.30 di ieri. Quando il carabiniere in pattuglia estrae la paletta per intimare l'alt al veicolo questo prima rallenta, finge di accostare e poi riparte, rischiando di travolgere il militare. A bordo del mezzo c'erano tre giovani: a tutta velocità la loro auto scappa imboccando via LungoSile Mattei. Ne nasce un inseguimento che vede l'automobilista in fuga collezionare una lista quasi interminabile di infrazioni. Durante la fuga la Clio rischia di investire un altro pedone, un 40enne che riesce solo per miracolo a scansarsi. L'inseguimento si ferma nei pressi di via Risorgimento: troppo pericoloso proseguire per i carabinieri che hanno comunque già a disposizione la targa del fuggitivo. Il proprietario, certamente non alla guida, risulta essere un 46enne kosovaro residente a Casier. I verbali che l'uomo dovrà pagare se non indicherà chi era alla guida ammontano ad oltre 2mila euro: se invece il vero fuggitivo si manifesterà le multe non supereranno i 400 euro con la decurtazione di 23 punti dalla patente. Sull'episodio proseguono le indagini dei carabinieri.