Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/200: DUSTIN JOHNSON CAMPIONISSIMO ALLE HAWAII

Il numero uno del ranking trionfa nel Sentry Toornament


TREVISO - Siamo ormai all’undicesimo torneo del PGA americano 2018, il Sentry Tournament of Champions, che si è giocato negli Stati Uniti al Plantation Course di Kapalua, da 4 al 7 gennaio. È l’undicesimo, giacché la prima gara della stagione, il Safeway Open,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/199: NEL 2018 L'OPEN D'ITALIA SUL LAGO DI GARDA

Novità di fine anno dal universo dei green italiani


TREVISO - Notizie che ci sono pervenute negli ultimi giorni e che val la pena di commentare. Cominciamo con l’Open d’Italia. Il 75° open d’Italia, la massima manifestazione nazionale di golf, non si giocherà nel 2018 al Golf Milano, bensì al Gardagolf country...continua

Golf
PILLOLE DI GOLFF/198: SI CONCLUDE IL CIRCUITO EUROPEO FEMMINILE

La protesta delle giocatrici: "Discriminate rispetto ai maschi"


Oggi parliamo di donne, di queste abili signore che si impegnano oltre misura alla ricerca del successo in Campo. A dire il vero, sono arrabbiate le golfiste europee, per la discriminazione che subiscono nel confronto con i maschi. Non conosco i motivi che generano questa scarsa considerazione, non...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

La struttura in Rivale Castelvecchio avrebbe danneggiato l'acquedotto sottostante

"ALLAGAMENTO AL QUARTIERE LATINO? COLPA DEL POZZETTO DELL'ENEL"

Secondo Ats, a provocare la falla nella tubatura un manufatto non autorizzato


TREVISO - La causa dell'allagamento che tra domenica 28 e lunedì 29 ottobre ha causato il black out sarebbe dovuta ad un pozzetto dell'Enel. E' questa la conclusione a cui sono giunti i tecnici di Ats, la società che gestice la rete idrica a Treviso e in gran parte della Marca. Le squadre dell'azienda, infatti, hanno individuato l'origine della perdita in una conduttura dell'acquedotto in Rivale Castelvecchio. A danneggiare la tubatura, in ghisa grigia, risalente ai primi del '900, però, sarebbe stato un pozzetto dell'Enel sovrapposto alla condotta, sia per il peso stesso del manufatto, sia per la presenza di cavi a 20mila volt e relative tensioni elettriche. Il posizionamento del pozzetto, sottolineano da Ats, è avvenuto senza nessuna autorizzazione. Non solo, i condotti per i cavi elettrici, che collegano il pozzetto alla centralina sottostante il complesso dell'ex ospedale, non essendo sigillati, si sarebbero trasformati in un canale privileggiato per l'acqua, sia quella fuoriuscita dalla falla, sia quella piovana o della falda. Per questo Ats avverte che risponderà delle richieste di risarcimento solo per i danni strettamente riconducibili alla perdita nelle rete dell'acquedotto e non esclude di rivalersi su eventuali responsabili per la falla nella tubatura.