Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

L'azzurro Colbertaldo: "E' un rito di iniziazione, gli atleti lo vivono bene"

BIMBO RASATO A BORDO VASCA, SCIENZY TUTELA LA TRADIZIONE

Sul caso sottolinea: "Colpa dei genitori, sono la rovina dello sport"


VICENZA – (gp) Quasi tutta Italia si è indignata per la vicenda del nuotatore di 11 anni che dopo non aver brillato in una gara internazionale è stato rasato da due istruttori e da un'altra notatrice vicentina di 21 anni. L'azzurro Federico Colbertaldo, atleta trevigiano cresciuto nel Montebelluna Nuoto nonchè campione italiano e primatista europeo in carica dei 1500 in vasca corta, va controcorrente e non usa mezzi termini: “La rasatura è un rito di iniziazione e come tale va vissuto: gli atleti lo vivono bene”. Rispondendo su un blog di un giornalista e poi ribadendolo all'Ansa, Scienzy ha dichiarato: “ La matricola è un rito di iniziazione e come tale va vissuta, stranamente poi gli atleti la vivono bene (nella maggioranza dei casi, nella totalità in caso di atleti intelligenti) e sono sempre i genitori, gente che stranamente non ha mai fatto sport (o se lo hanno fatto erano dei frustrati), ad incazzarsi. Pensiamo al dramma invece di questo ragazzino che verrà isolato sportivamente, dato che nessuno si prenderà la briga di allenare uno con dei genitori del genere. Ma soprattutto pensiamo alle tre persone che hanno perso il posto di lavoro per colpa di due frustrati”. Già, perchè i due istruttori e la nuotatrice sono finiti sotto inchiesta per abuso dei mezzi di correzione dopo l'esposto presentato dai genitori dell'11enne. Sull'episodio di “nonnismo”, Federico Colbertaldo aggiunge poi: “Per le matricole la rasatura è parte integrante del processo di crescita e la cosa vale per qualsiasi atleta, sia a livello nazionale che societario. Insomma, la rasatura dei capelli nel nuoto è una cosa acclarata, una tradizione antica. Io - ricorda l'azzurro - quando avevo 15-16 anni non vedevo l'ora di essere rasato da Rosolino”.