Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/248: PADRAIG HARRINGTON CAPITANO DELL'EUROPA IN RYDER CUP

Nel 2020 l'irlandese guiderà il team continentale nella sfida agli Usa


ROMA - Sarà l’irlandese Padraig Harrington, a svolgere la missione di Capitano europeo alla Ryder Cup 2020, prossimo appuntamento americano fra Europa e Stati Uniti. Harrington è stato scelto da un Comitato composto dagli ultimi tre capitani del massimo circuito europeo: Paul...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/247: I CAMPIONI DEL PGA INIZIANO L'ANNO ALLE HAWAII

L'outsider Schauffele trionfa nel torneo riservato ai 37 vincitori del circuito


MAUI - Al Plantation Course di Kapalua, è andato in scena l’evento riservato alla crema del PGA, cioè ai 37 che hanno vinto un torneo nel circuito della passata stagione. Il Sentry Tournament of Champions ha luogo sempre durante la prima settimana di gennaio, sempre nel medesimo...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/19: IL MOLINETTO GOLF & COUNTRY CLUB

Dai Celti agli Sforza, a Cernusco sul Naviglio si gioca tra la storia d'Italia


CERNUSCO SUL NAVIGLIO - Quello che colpisce maggiormente arrivando al Golf Molinetto, è di trovarsi all’improvviso in una realtà che si stacca completamente da tutto ciò che la circonda: il territorio tipico della Lombardia produttiva, dove la gente è soprattutto...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

L'azzurro Colbertaldo: "E' un rito di iniziazione, gli atleti lo vivono bene"

BIMBO RASATO A BORDO VASCA, SCIENZY TUTELA LA TRADIZIONE

Sul caso sottolinea: "Colpa dei genitori, sono la rovina dello sport"


VICENZA – (gp) Quasi tutta Italia si è indignata per la vicenda del nuotatore di 11 anni che dopo non aver brillato in una gara internazionale è stato rasato da due istruttori e da un'altra notatrice vicentina di 21 anni. L'azzurro Federico Colbertaldo, atleta trevigiano cresciuto nel Montebelluna Nuoto nonchè campione italiano e primatista europeo in carica dei 1500 in vasca corta, va controcorrente e non usa mezzi termini: “La rasatura è un rito di iniziazione e come tale va vissuto: gli atleti lo vivono bene”. Rispondendo su un blog di un giornalista e poi ribadendolo all'Ansa, Scienzy ha dichiarato: “ La matricola è un rito di iniziazione e come tale va vissuta, stranamente poi gli atleti la vivono bene (nella maggioranza dei casi, nella totalità in caso di atleti intelligenti) e sono sempre i genitori, gente che stranamente non ha mai fatto sport (o se lo hanno fatto erano dei frustrati), ad incazzarsi. Pensiamo al dramma invece di questo ragazzino che verrà isolato sportivamente, dato che nessuno si prenderà la briga di allenare uno con dei genitori del genere. Ma soprattutto pensiamo alle tre persone che hanno perso il posto di lavoro per colpa di due frustrati”. Già, perchè i due istruttori e la nuotatrice sono finiti sotto inchiesta per abuso dei mezzi di correzione dopo l'esposto presentato dai genitori dell'11enne. Sull'episodio di “nonnismo”, Federico Colbertaldo aggiunge poi: “Per le matricole la rasatura è parte integrante del processo di crescita e la cosa vale per qualsiasi atleta, sia a livello nazionale che societario. Insomma, la rasatura dei capelli nel nuoto è una cosa acclarata, una tradizione antica. Io - ricorda l'azzurro - quando avevo 15-16 anni non vedevo l'ora di essere rasato da Rosolino”.