Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/223: I SOCI AIGG SI SFIDANO SULLE DOLOMITI

Tre giornate in quota tra Alto Adige e Trentino


BOLZANO - Un interessante momento nelle gare dell’Associazione Italiana Giornalisti Golfisti: tre giornate di golf impegnativo, in aggiunta all’annuale challenge, per godere le Dolomiti. Nella giornata di apertura ci spalanca le porte il Golf Club Eppan (Appiano): un campo da golf a...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

A dicembre due rappresentanti della casa d'asta londinese saranno a Treviso

FALSI DE CHIRICO: TESTIMONI IN AULA GLI ESPERTI DI CHRISTIE'S

Imputato Rosario Poidimani: avrebbe truffato un imprenditore


TREVISO - (gp) Dopo il rinvio a giudizio e la deposizione in aula dei periti della “Fondazione Giorgio De Chirico”, alla prossima udienza, fissata il 19 dicembre, sarà la volta degli esperti della famosissima casa d'asta londinese Christie's: dovranno venire a Treviso per stabilire se i quadri attribuiti ad autori famosi siano o meno autentici. Il tutto nell'ambito dell'inchiesta che vede imputato Rosario Poidimani, 70enne di origini siracusane ma residente a Vicenza, il quale spacciandosi come principe e futuro erede al trono della Casa Reale del Portogallo avrebbe venduto tra l'agosto del 2006 e il gennaio del 2007 a un imprenditore trevigiano 8 quadri attribuiti a Giorgio De Chirico, Filippo De Pisis, Ottone Rosai, Giovanni Fattori, Giorgio Morandi, Mario Sironi e Felice Carena. Il principe portoghese li avrebbe svenduti, dichiarandosi in difficoltà finanziaria, per 282 mila euro, valore nettamente inferiore alle cifre di mercato che si aggirerebbero sul milione e mezzo di euro. La parte offesa ieri mattina ha ritirato la querela per truffa ai danni dell'imputato, così come non ha continuato la causa civile intentata contro di lui. Poidimani rimane però a processo per aver posto in commercio quadri non autentici (che prevede in caso di condanna soltanto una contravvenzione di qualche centinaia di euro). L'imputato, difeso dall'avvocato Mauro Allegra, si è sempre dichiarato innocente affermando che i dipinti li aveva acquistati negli anni '60 ed erano accompagnati dalla certificazione di autenticità.