Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/247: I CAMPIONI DEL PGA INIZIANO L'ANNO ALLE HAWAII

L'outsider Schauffele trionfa nel torneo riservato ai 37 vincitori del circuito


MAUI - Al Plantation Course di Kapalua, è andato in scena l’evento riservato alla crema del PGA, cioè ai 37 che hanno vinto un torneo nel circuito della passata stagione. Il Sentry Tournament of Champions ha luogo sempre durante la prima settimana di gennaio, sempre nel medesimo...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/19: IL MOLINETTO GOLF & COUNTRY CLUB

Dai Celti agli Sforza, a Cernusco sul Naviglio si gioca tra la storia d'Italia


CERNUSCO SUL NAVIGLIO - Quello che colpisce maggiormente arrivando al Golf Molinetto, è di trovarsi all’improvviso in una realtà che si stacca completamente da tutto ciò che la circonda: il territorio tipico della Lombardia produttiva, dove la gente è soprattutto...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/246: DAL 2019 IN VIGORE LE NUOVE REGOLE DI GIOCO

Le norme ridotte a 24: ecco le principali novità


TREVISO - Erano trentaquattro le Regole del Golf; erano tante, e soprattutto abbastanza complicate da ricordare, per il neofita che le doveva capire, memorizzare, e poi correttamente applicare.Dal 1° gennaio 2019 sarà in uso una versione rivisitata, principalmente finalizzata ad una...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Segue il documentario "Fare Paesaggio" di Tomas Marcuzzi

AL VIA PAESAGIRE CON I RISULTATI DELL' OSSERVATORIO PER IL PAESAGGIO DELL'ALTA MARCA

Stasera, ore 20.30 l’Auditorium Battistella Moccia di Pieve di Soligo


PIEVE DI SOLIGO - Con la quinta edizione di PaesAgire si torna a parlare di paesaggio in tutte le sue declinazioni. Il prologo della rassegna culturale pievigina è atteso per stasera, giovedì 8 novembre. Dalle ore 20.30 l’Auditorium Battistella Moccia ospiterà una serata dedicata all’Osservatorio Sperimentale per il Paesaggio delle Colline dell’Alta Marca, un progetto nato nel dicembre 2011 da un’intesa tra Regione del Veneto e Comune di Pieve di Soligo e che rappresenta una naturale evoluzione

di PaesAgire. E dopo quasi un anno di studi saranno presentati in anteprima i risultati di una prima indagine effettuata dall’Osservatorio sulla percezione del paesaggio. “Il questionario distribuito ai cittadini della zona ci ha fornito dati davvero interessanti – commenta il primo cittadino di Pieve di Soligo -, a partire da una diversificata percezione del paesaggio. In particolare i giovanissimi rivelano una visione del paesaggio che potrebbe far discutere perché, ad esempio, il non-luogo del centro commerciale è considerato e vissuto da alcuni come uno spazio piacevole e soddisfacente”.

Il sindaco di Pieve di Soligo Fabio Sforza sottolinea l'importanza per tutto il territorio dell'Alta Marca Trevigiana di essere uno dei luoghi scelti dalla Regione per dare attuazione alla Convenzione Europea del Paesaggio, con pochi mezzi economici ma molto entusiasmo: “Per questo motivo proporrò ufficialmente che la presidenza dell’Osservatorio sperimentale, che oggi coincide con la presidenza dell’I.p.a. Terre Alte della Marca Trevigiana, sia invece attribuita a rotazione a tutti i Sindaci dei Comuni dell’area”.

Stasera inoltre l’Osservatorio sarà protagonista nella proiezione di “Fare paesaggio”, un

documentario che combina animazioni e immagini dal vero per interrogarsi su alcuni cliché riferiti al paesaggio e presentare il lavoro svolto dall’Osservatorio. Saranno presenti in sala il regista Tomas “Uolli” Marcuzzi e i co autori Maria Saccon e Matteo Tres.

 

Parteciperanno al dibattito: Fabio Sforza, sindaco del Comune di Pieve di Soligo e Presidente dell’Osservatorio, Michele Genovese, Coordinatore del G.A.L. dell’Alta Marca Trevigiana, Anna Guolo, della direzione Beni Culturali della Regione Veneto, Philippe Pypaert, dell’Unesco Regional Bureau for Science and Technology, e Claudio Riva, sociologo dell’Università di Padova.

 

L’apertura ufficiale di PaesAgire è attesa per sabato 17 novembre con l’anteprima nazionale di “Lagunemine” di Nicola Piovesan: documentario atipico e minimale su tre persone che vivono in un’area remota della laguna di Venezia, un luogo fermo nel tempo e lontano dalla civiltà.