Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Segue il documentario "Fare Paesaggio" di Tomas Marcuzzi

AL VIA PAESAGIRE CON I RISULTATI DELL' OSSERVATORIO PER IL PAESAGGIO DELL'ALTA MARCA

Stasera, ore 20.30 l’Auditorium Battistella Moccia di Pieve di Soligo


PIEVE DI SOLIGO - Con la quinta edizione di PaesAgire si torna a parlare di paesaggio in tutte le sue declinazioni. Il prologo della rassegna culturale pievigina è atteso per stasera, giovedì 8 novembre. Dalle ore 20.30 l’Auditorium Battistella Moccia ospiterà una serata dedicata all’Osservatorio Sperimentale per il Paesaggio delle Colline dell’Alta Marca, un progetto nato nel dicembre 2011 da un’intesa tra Regione del Veneto e Comune di Pieve di Soligo e che rappresenta una naturale evoluzione

di PaesAgire. E dopo quasi un anno di studi saranno presentati in anteprima i risultati di una prima indagine effettuata dall’Osservatorio sulla percezione del paesaggio. “Il questionario distribuito ai cittadini della zona ci ha fornito dati davvero interessanti – commenta il primo cittadino di Pieve di Soligo -, a partire da una diversificata percezione del paesaggio. In particolare i giovanissimi rivelano una visione del paesaggio che potrebbe far discutere perché, ad esempio, il non-luogo del centro commerciale è considerato e vissuto da alcuni come uno spazio piacevole e soddisfacente”.

Il sindaco di Pieve di Soligo Fabio Sforza sottolinea l'importanza per tutto il territorio dell'Alta Marca Trevigiana di essere uno dei luoghi scelti dalla Regione per dare attuazione alla Convenzione Europea del Paesaggio, con pochi mezzi economici ma molto entusiasmo: “Per questo motivo proporrò ufficialmente che la presidenza dell’Osservatorio sperimentale, che oggi coincide con la presidenza dell’I.p.a. Terre Alte della Marca Trevigiana, sia invece attribuita a rotazione a tutti i Sindaci dei Comuni dell’area”.

Stasera inoltre l’Osservatorio sarà protagonista nella proiezione di “Fare paesaggio”, un

documentario che combina animazioni e immagini dal vero per interrogarsi su alcuni cliché riferiti al paesaggio e presentare il lavoro svolto dall’Osservatorio. Saranno presenti in sala il regista Tomas “Uolli” Marcuzzi e i co autori Maria Saccon e Matteo Tres.

 

Parteciperanno al dibattito: Fabio Sforza, sindaco del Comune di Pieve di Soligo e Presidente dell’Osservatorio, Michele Genovese, Coordinatore del G.A.L. dell’Alta Marca Trevigiana, Anna Guolo, della direzione Beni Culturali della Regione Veneto, Philippe Pypaert, dell’Unesco Regional Bureau for Science and Technology, e Claudio Riva, sociologo dell’Università di Padova.

 

L’apertura ufficiale di PaesAgire è attesa per sabato 17 novembre con l’anteprima nazionale di “Lagunemine” di Nicola Piovesan: documentario atipico e minimale su tre persone che vivono in un’area remota della laguna di Venezia, un luogo fermo nel tempo e lontano dalla civiltà.