Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/197: IL RITORNO DI TOGER WOODS

Il campione di nuovo sul green nel "Torneo degli eroi"


NASSAU - Un evento atteso, e da molti auspicato: il fuoriclasse Tiger Woods 41enne di Cypress (California), si rimette in gioco. È sceso in campo dal 30 novembre al 3 dicembre all’Albany Golf Course (par 72) di Nassau, a New Providence sulle isole Bahamas, praticamente a casa sua,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/196: AD ALICANTE LA SFIDA ITALIA - SPAGNA DEI GIORNALISTI

Vincono gli iberici, ma č festa per tutti


ALICANTE (SPA) - Ad Alicante, il match “Periodistas España-Italia”, la tradizionale sfida dei giornalisti spagnoli nostri antagonisti, in un clima di grande amicizia. È il più cordiale e allegro tra gli incontri internazionali che nella stagione vede i giornalisti...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/195: A DUBAI IL GRAN FINALE DELL'EUROPEAN TOUR

Rahm vince il torneo, classifica generale a Fleetwood


DUBAI - Con la disputa del DP World Tour Championship Dubai (16-19 novembre), è terminata al Jumeirah Golf Estates (Par 72), la stagione dell’European Tour cui hanno partecipato i primi sessanta classificati nell’ordine di merito della "Race To Dubai". Unico italiano in gara...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

La previsione di Coonfcooperative: "2013 anno di crisi"

DA 250 A 600 LICENZIAMENTI NELLE COOP SOCIALI TREVIGIANE

Il rischio dovuto ai tagli imposti dalla legge di stabilitą


TREVISO - La nuova legge di stabilità mette a rischio da 250 a 600 posti di lavoro nelle cooperative sociali trevigiane. A lanciare l'allarme è la Confocooperative di Treviso, secondo cui il 2013 si annuncia come un anno di profonda crisi del settore a causa dei tagli ai finanziamenti agli enti locali decisi dal governo, che incidono sui servizi soprattutto per le fasce di popolazione più deboli: “Nella nostra provincia – dichiarano dall'associazione - potrebbero essere 6-7mila i cittadini a veder ridotti, se non addirittura azzerati, i servizi sociali di cui oggi usufruiscono. Il sistema di welfare mix finora garantito dalla cooperazione sociale trevigiana, grazie ad una collaborazione proficua e costruttiva con il committente pubblico, sia sul piano della progettualità che della condivisione degli obiettivi, è messo seriamente a rischio”.