Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/219: DAI CONTI CORRENTI AL GREEN, LA SFIDA DEI BANCARI

A Ca' della Nave il torneo tra gli istituti di credito europei


MARTELLAGO - Patrocinato dalla Federazione Italiana Golf, c’è stato, al Circolo del Golf di Cà della Nave, l’incontro di Golf interbancario, tra i dipendenti degli istituti di credito d’Europa, il 17esimo, che ha impegnato il Club ospitante per cinque giornate. Si...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/218: UN GRANDE MOLINARI INFIAMMA L'OPEN D'ITALIA

La vittoria finale, però, va per un colpo al danese Olesen


SOLANO DEL LAGO (BS) - Eccoci arrivati all’Open d’Italia, il tanto atteso appuntamento, il maggiore del Golf italiano. Prologo domenica 27, in piazza Malvezzi e sul lungolago Cesare Battisti a Desenzano, era festa grande a Soiano del Lago: entusiasmo, curiosità, musica e...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/217: IL GOLF FINALMENTE VA IN TELEVISIONE

Sul campo di Ca' della Nave registrata la trasmissione di Bucarelli e Lanza


MARTELLAGO - È ben noto il disappunto del golfista che non è abbonato Sky, per non aver l’opportunità di vedere in chiaro le partite di golf nei programmi nazionali, seppur costretto a pagare il canone Rai. Non saprei a cosa ascrivere questo svantaggio sulla testa degli...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

La previsione di Coonfcooperative: "2013 anno di crisi"

DA 250 A 600 LICENZIAMENTI NELLE COOP SOCIALI TREVIGIANE

Il rischio dovuto ai tagli imposti dalla legge di stabilità


TREVISO - La nuova legge di stabilità mette a rischio da 250 a 600 posti di lavoro nelle cooperative sociali trevigiane. A lanciare l'allarme è la Confocooperative di Treviso, secondo cui il 2013 si annuncia come un anno di profonda crisi del settore a causa dei tagli ai finanziamenti agli enti locali decisi dal governo, che incidono sui servizi soprattutto per le fasce di popolazione più deboli: “Nella nostra provincia – dichiarano dall'associazione - potrebbero essere 6-7mila i cittadini a veder ridotti, se non addirittura azzerati, i servizi sociali di cui oggi usufruiscono. Il sistema di welfare mix finora garantito dalla cooperazione sociale trevigiana, grazie ad una collaborazione proficua e costruttiva con il committente pubblico, sia sul piano della progettualità che della condivisione degli obiettivi, è messo seriamente a rischio”.