Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/200: DUSTIN JOHNSON CAMPIONISSIMO ALLE HAWAII

Il numero uno del ranking trionfa nel Sentry Toornament


TREVISO - Siamo ormai all’undicesimo torneo del PGA americano 2018, il Sentry Tournament of Champions, che si è giocato negli Stati Uniti al Plantation Course di Kapalua, da 4 al 7 gennaio. È l’undicesimo, giacché la prima gara della stagione, il Safeway Open,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/199: NEL 2018 L'OPEN D'ITALIA SUL LAGO DI GARDA

Novitą di fine anno dal universo dei green italiani


TREVISO - Notizie che ci sono pervenute negli ultimi giorni e che val la pena di commentare. Cominciamo con l’Open d’Italia. Il 75° open d’Italia, la massima manifestazione nazionale di golf, non si giocherà nel 2018 al Golf Milano, bensì al Gardagolf country...continua

Golf
PILLOLE DI GOLFF/198: SI CONCLUDE IL CIRCUITO EUROPEO FEMMINILE

La protesta delle giocatrici: "Discriminate rispetto ai maschi"


Oggi parliamo di donne, di queste abili signore che si impegnano oltre misura alla ricerca del successo in Campo. A dire il vero, sono arrabbiate le golfiste europee, per la discriminazione che subiscono nel confronto con i maschi. Non conosco i motivi che generano questa scarsa considerazione, non...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

La maitresse finita al centro di una nuova inchiesta per un giro di squillo

DOPO TREVISO E JESOLO, ANCHE PADOVA ACCUSA BRUNA ZANDONA'

Contestazioni identiche: appartamenti in affitto a prostitute


TREVISO – (gp) A Treviso è già stata rinviata a giudizio, a Venezia le indagini sono ancora in corso per una serie di appartamenti a Jesolo, e ora anche la Procura di Padova ha aperto un fascicolo a carico di Bruna Zandonà, la maitresse 63enne “smascherata2 da Luigi Pelazza delle “Iene” che aveva agganciato una delle ragazze “protette” dalla Zandonà che aveva deciso di raccontare tutto. Se a Jesolo sono stati i carabinieri a portare alla luce il giro di squillo, una trentina, che si prostituiva all'interno di 18 case d'appuntamento riuscendo a guadagnare anche 1000 euro al giorno, a mettere gli inquirenti padovani sulle tracce della 63enne sarebbe stata anche questa volta una ragazza, controllata dalle forze dell'ordine, che avrebbe spifferato tutto. Un'altra tegola insomma per Bruna Zandonà, anche se l'inchiesta patavina è soltanto all'inizio, ma le ipotesi d'accusa sono le stesse mosse contro di lei dalle altre due procure: sfruttamento e favoreggiamento della prostituzione.