Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/244: AUSTRALIA E SUD AFRICA OPEN, DEBACLE AZZURRA

Italiani sottotono negli ultimi due tornei prima delle festività


TREVISO - Due tornei di rilievo dell’European Tour, prima di una breve pausa.  Ad Albany, New Providence, organizzato in combinata tra European Tour e PGA of Australia, si è giocato l’Isps Anda. sul percorso del Royal Pines (par 72) a Benowa, nel Queensland. Montepremi un...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/243: IN AUSTRALIA LA COPPA DEL MONDO A SQUADRE

Vince il Belgio, sesta la coppia azzurra Pavan - Paratore


MELBOURNE - Ancora nel clamore del trionfo di Francesco Molinari alla Race To Dubai, i giocatori azzurri sono chiamati a un altro importante appuntamento. A Melbourne, si gioca la 59ª edizione della Isps Handa Melbourne World Cup of Golf, la Coppa del Mondo a squadre che ha luogo al...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/242: SENZA SOSTA, L'EUROPEAN TOUR RIPARTE DA HONG KONG

La prima tappa della nuova stagione all'anglo-indiano Aaron Rai


HONG KONG - Ancora in aria il fragore per il successo di Francesco Molinari, l’European Tour riparte subito per la nuova stagione 2019, come di consueto in anticipo sull’anno solare. Riprende appena una settimana dopo la conclusione del precedente torneo a Dubai, dove Francesco Molinari...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Un camionista ha deciso di far ricorso contro la sanzione elevata a Vittorio Veneto

MULTATO DI 80 EURO, NE PAGA 450 PER SPESE D'ACCERTAMENTO

L'uomo era stato beccato dalla polizia locale in via da Camino


VITTORIO VENETO – (gp) Transita con il suo autocarro in una zona interdetta al traffico pesante. Fermato da una pattuglia della polizia locale di Vittorio Veneto si vede elevare, giustamente, una multa di 80 euro. Ma lo stupore, e la rabbia, del camionista scattano quando si accorge di dover pagare, oltre all'importo della sanzione amministrativa per la violazione, altri 450 euro a titolo di “spese di accertamento e spese postali”. Quali spese? In realtà nessuna secondo il camionista che ha deciso di presentare ricorso assistito dall'avvocato Fabio Capraro. Il tutto si è svolto il 30 ottobre scorso quando l'uomo, alla guida del mezzo, è stato beccato mentre “transitava in via da Camino verso via Martini attraversando la zona di Serravalle non rispettando l'ordinanza di divieto di transito per autocarri con rimorchio superiore alle 8 tonnellate per motivi di prevenzione e di tutela del patrimonio pubblico”. I vigili, appostati lungo la via, non si erano fatti sfuggire quel camion che di lì proprio non poteva passare. Fermato all'istante, i vigili fecero i controlli del caso, patente e libretto compresi nonché i documenti relativi al carico trasportato, e compilarono il verbale. Il camionista non tentò di giustificarsi né tanto meno di evitare di pagare la multa, ammettendo di aver sbagliato. Ma alla lettura dell'importo qualcosa non tornava: quei 450 euro sembravano davvero un'esagerazione. Contattato il legale, è subito partito il ricorso al giudice di pace. “A parte le spese di notifica, presumibilmente ammontanti a pochi euro, è bene evidente che la quasi totalità delle spese rivendicate all'amministrazione resistente è connessa all'accertamento dell'infrazione”. In altre parole, quei 450 euro si tradurrebbero nelle spese sostenute dal Comune di Vittorio Veneto per accertare l'attraversamento dell'autocarro in zona vietata al traffico pesante. A leggere tra le righe sembra che sia stato fatto pagare al trasgressore il compenso del vigile che lo ha fermato e multato, visto che non sono stati utilizzati autovelox o photored i cui costi di noleggio verrebbero addebitati al camionista. Nel ricorso si legge infatti che “nessuna strumentazione acquistata o noleggiata è stata impiegata allo scopo (ovvero accertare la violazione, ndr), e non viene indicato alcun parametro di riferimento sulla base del quale poter vagliare la necessità e la congruità della spesa in parola”. E conclude con un esempio: “Dal sito internet della Polizia Municipale di Verona si evince che in caso di violazione per transito in Zona a traffico limitato le spese di procedmento e notifica assommano al massimo a 16,90 euro”.