Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Vedelago, per rendere credibile il furto ha rotto vetro e blocchetto d'accensione

DANNI ALL'AUTO DEI GENITORI, SIMULA UN FURTO MA VIENE SCOPERTO

Un 19enne denunciato dai carabinieri: aveva paura di essere sgridato


VEDELAGO - Senza che i genitori lo sapessero ha preso la loro auto per uscire con gli amici. Sperava di non essere scoperto ma il destino ha giocato davvero un brutto scherzo ad un 19enne di Vedelago. Il giovane, rincasando, ha danneggiato il mezzo: centrando ad alta velocità una buca ha rotto il braccetto del semiasse. Per evitare di essere rimproverato ha pensato bene di denunciare il furto della vettura ai carabinieri: prima però ha provocato altri danni all'auto per rendere il suo racconto più credibile. Il giovane ha mandato in mille pezzi un finestrino e rotto il blocchetto di accensione della vettura; poi è rincasato ed ha dato l'allarme al 112. I militari hanno rinvenuto il mezzo incidentato poco distante: nel racconto del giovane qualcosa fin da subito non quadrava. Messo alle strette infatti il 19enne ha ammesso la verità, dicendo di aver dato vita a quella messa in scena per evitare di essere sgridato dalla madre. Il giovane è stato denunciato per simulazione di reato.