Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

L'amministrazione: "A questo punto, meglio la demolizione"

BONIFICA E AREA VERDE SULL'EX FABBRICA ULTIMATUM DEL COMUNE ALLA INDESIT

In stallo la riconversione dello stabilimento di Refrontolo


REFRONTOLO - Demolizione delle strutture, bonifica dei terreni e ripristino a verde. E' quanto chiede il Comune di Refrontolo alla indesit per l'area dell'ex stabilimento di elettrodomestici. E' quasi un ultimatum quello posto ai vertici del gruppo dal sindaco Maria Grazia Morgan: la fabbrica è chiusa da quasi due anni e, secondo il primo cittadino, sta sempre più cadendo in uno stato di abbandono e degrado, con il rischio che vi trovino rifugio sbandati o, peggio, malintenzionati. Finora i vari contatti con società interessate al sito, per riconvertirlo, non hanno avuto seguito: la più recente è stata annunciata dai manager Indesit nel corso dell'ultimo, periodico incontro tra le parti, in Regione. Si tratterebbe di un'azienda disposta ad insediare a Refrontolo attività di logistica e servizi, riassumendo anche 7 dei 16 dipendenti che ancora non si sono ricollocati. Il Comune, però, chiede passi concreti in tempi brevi: "Altrimenti, a questo punto - ribadisce Morgan -, la Indesit proceda con l'abbattimento, la bonifica e la creazione di un'area verde". Secondo l'amministrazione si tratta ormai di una questione di pubblica sicurezza e di igiene pubblica.