Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/248: PADRAIG HARRINGTON CAPITANO DELL'EUROPA IN RYDER CUP

Nel 2020 l'irlandese guiderà il team continentale nella sfida agli Usa


ROMA - Sarà l’irlandese Padraig Harrington, a svolgere la missione di Capitano europeo alla Ryder Cup 2020, prossimo appuntamento americano fra Europa e Stati Uniti. Harrington è stato scelto da un Comitato composto dagli ultimi tre capitani del massimo circuito europeo: Paul...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/247: I CAMPIONI DEL PGA INIZIANO L'ANNO ALLE HAWAII

L'outsider Schauffele trionfa nel torneo riservato ai 37 vincitori del circuito


MAUI - Al Plantation Course di Kapalua, è andato in scena l’evento riservato alla crema del PGA, cioè ai 37 che hanno vinto un torneo nel circuito della passata stagione. Il Sentry Tournament of Champions ha luogo sempre durante la prima settimana di gennaio, sempre nel medesimo...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/19: IL MOLINETTO GOLF & COUNTRY CLUB

Dai Celti agli Sforza, a Cernusco sul Naviglio si gioca tra la storia d'Italia


CERNUSCO SUL NAVIGLIO - Quello che colpisce maggiormente arrivando al Golf Molinetto, è di trovarsi all’improvviso in una realtà che si stacca completamente da tutto ciò che la circonda: il territorio tipico della Lombardia produttiva, dove la gente è soprattutto...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Il ruolo del turismo responsabile per evitare una natura ibrida

LO SFRUTTAMENTO DELLA MONTAGNA A PAESAGIRE

"Peak – Un mondo al limite" all'auditorium Battistella Moccia di Pieve di Soligo


PIEVE DI SOLIGO - Le cime innevate delle nostre Alpi, nella relazione inevitabile tra naturale e artificiale. Questo il tema affrontato dalla rassegna PaesAgire, che nell'appuntamento di stasera, alle ore 20.30, proporrà il documentario “Peak – Un mondo al limite” di Hannes Lang all’Auditorium Battistella Moccia di Pieve di Soligo. Nel suo lavoro il regista altoatesino punta l'obiettivo sull’invadenza del turismo di massa in un territorio fragile e delicato, come quello delle Alpi, dove l'impatto dell'uomo e delle potenti strutture al servizio del turismo creano uno sconcertante ibrido di tecnologia e natura.

Dalla costruzione di nuove piste da sci alla creazione della neve artificiale, Lang ha osservato per un intero anno questo processo di trasformazione delle Alpi, scoprendo tutto ciò che è abitualmente nascosto ai visitatori invernali sotto uno spesso manto di neve artificiale.

“Il documentario esplicita la dimensione del paesaggio come misura del tempo, in piena sintonia con il tema di questa edizione di PaesAgire – afferma l’assessore alla cultura del Comune di Pieve di Soligo Nicola Stefani -. Accende i riflettori sull’esistenza di un ‘tempo’ della natura che non si concilia con i tempi dell'Uomo. Un paesaggio evoluto o involuto dipendono anche dalla nostra capacità di trovare un punto di raccordo fra tradizione e innovazione, fra spreco di risorse e sostenibilità”.

Organizzata in collaborazione con la sezione CAI “Velio Soldan” di Pieve di Soligo, la serata vuole promuovere la cultura del “turismo responsabile”. “Nelle Prealpi Trevigiane non registriamo gravi minacce all’ambiente naturale, perché vi è diffuso solo l’escursionismo - spiega Sergio Soldan, presidente della sezione pievigina del CAI –. Ma dove sono presenti impianti di risalita ci sono rischi di alterazioni profonde. Penso al tanto discusso progetto di un collegamento tra Piancavallo e Pian Cansiglio, che andrebbe valutato a fondo prima di essere realizzato: è davvero necessario? Vista la scarsità di neve non rischia di essere uno spreco di soldi?”.