Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 
ASCOLTA IL SERVIZIO ON-LINEAscolta la notizia

Casale sul Sile, con tre connazionali stava per mettere a segno furti nella zona

CAMBIA NOME PER 14 VOLTE, LE IMPRONTE PERÒ LO INCASTRANO

In cella un 27enne albanese, era latitante da quattro anni


CASALE SUL SILE - Ogni volta che veniva controllato dalle forze dell'ordine forniva un'identità diversa, arrivando al numero record di 14 alias diversi. Questo è possibile grazie alla legge del suo paese, l'Albania, che consente con facilità variazioni anagrafiche, perfino per quanto riguarda l'età. Sajmir Pergegaj, 27 anni, è da giovedì sera in carcere. Poco dopo le 21 di ieri lo straniero è stato fermato mentre era in auto con altri tre connazionali di 33, 32 e 32 anni: il gruppo si aggirava nella zona di Casale ed in particolare lungo via Kennedy dove, nelle ultime settimane, si sarebbero verificati vari furti. All'interno dell'auto, una Mercedes Slk, sono stati trovati vari arnesi da scasso: per tutti è scattata una denuncia per porto abusivo di chiavi alterate e grimaldelli. Il 27enne, pensando di farla franca per l'ennesima volta, ha dato un'identità fittizia ma ad incastrarlo sono state le impronte digitali. Dal controllo è emersa la lunga sfilza di identità del giovane e soprattutto due ordini di custodia cautelare a suo carico: della Procura di Arezzo nel 2008 e della Procura di Firenze nel 2010. Nel frattempo, complici anche i suoi cambi di identità, lo straniero era rimasto a lungo latitante. Il commento di Claudio Papagno, comandante dei carabinieri di Treviso.