Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 
ASCOLTA IL SERVIZIO ON-LINEAscolta la notizia

Vittorio Veneto, torchiati dalla polizia per ore i tre presunti violentatori

COSTRETTA AD UN RAPPORTO ORALE IN TRENO: SI ERA INVENTATA TUTTO

Denunciata per simulazione di reato una studentessa 21enne


VITTORIO VENETO - Venerdì sera a bordo del treno Belluno-Venezia, diretta ad una festa: si è seduta nel vagone, si è assopita posando gli occhiali ed è stata risvegliata da tre ragazzi che l'hanno costretta ad un rapporto sessuale orale. Mentre in due le bloccavano le braccia, chiudendole gli occhi, un terzo abusava di lei. Il gruppetto di giovani, quando il treno è arrivato alla stazione di Vittorio Veneto, è sceso per dileguarsi. Una storia sconvolgente quella raccontata la sera stessa da una studentessa bellunese di 21 anni agli agenti della polizia ferroviaria di Treviso. Peccato però che tutto sia stato frutto della fantasia: la giovane sarà denunciata per simulazione di reato dalla squadra mobile di Treviso. La vicenda ha mobilitato, fin dalla serata di venerdì, la squadra mobile trevigiana e quella bellunese che hanno dato la caccia ad un gruppo di presunti violentatori. Si trattava di un gruppo di tre ragazzi bellunesi, tra i 18 ed i 19 anni che erano effettivamente sullo stesso treno e sullo stesso vagone della ragazza. I ragazzi erano stati peraltro multato dal capotreno sempre in quel frangente. All'alba sono stati rintracciati in un appartamento di Vittorio Veneto dove avevano partecipato ad una festa. I tre giovani sono stati torchiati per oltre cinque ore, inutilmente. Ad essere risolutiva è stata la confessione della ragazza che in lacrime ha detto di essersi inventata tutto. I bellunesi, dopo ore da incubo, sono stati rilasciati. La ragazza non ha saputo fornire dei validi motivi per giustificare il suo gesto: il tutto si ricondurrebbe a problemi di natura famigliare.