Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/223: I SOCI AIGG SI SFIDANO SULLE DOLOMITI

Tre giornate in quota tra Alto Adige e Trentino


BOLZANO - Un interessante momento nelle gare dell’Associazione Italiana Giornalisti Golfisti: tre giornate di golf impegnativo, in aggiunta all’annuale challenge, per godere le Dolomiti. Nella giornata di apertura ci spalanca le porte il Golf Club Eppan (Appiano): un campo da golf a...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Treviso, tra le cause possibili, il calo del lavoro e la fine di una storia sentimentale

"HO TROVATO LA MIA LIBERTÀ" SI IMPICCA NEL SUO BAR A S. VITO

Suicida Manuele Barbisan, 38enne titolare del Caffè "La Corte"


TREVISO - Si è impiccato all'interno del suo bar, in pieno centro a Treviso. Si è tolto così la vita, a 37 anni, Manuele Barbisan, titolare, insieme ad un socio, del Caffè La Corte, noto locale di piazza San Vito. Il giovane imprenditore, dopo aver inviato un sms ad una dipendente, avrebbe lasciato anche un biglietto: "Dopo otto anni ho trovato la mia libertà. Viva l'Italia". A scoprire il cadavere, tra il bagno e il retrobottega, nel primo pomeriggio, il collaboratore Mario Contin, venuto ad aprire il bar. Barbisan, che in precedenza aveva lavorato come camionista, non era sposato e non aveva figli, lascia la madre, un fratello, Mauro, e una sorella: secondo gli amici, negli ultimi tempi era deluso per il calo degli affari e si lamentava per la monotonia della routine. Sulla sua psicologia può aver influito anche la recente fine di una relazione sentimentale, ma chi lo conosce bene racconta che era rimasto molto scosso soprattutto dalla morte dell'ex giocatore di rugby Piero Dotto, a cui era molto legato. Alla notizia la piazza si è presto riempita di familiari, amici ed altri esercenti della zona, sconvolti dall'accaduto, tanto che la polizia, intervenuta sul posto per i rilievi, ha transennato l'area. Lascia il padre Danilo, la madre Carlotta ed i fratelli Mauro, Sonia e Diana.

Galleria fotograficaGalleria fotografica