Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Indagini chiuse a carico di un 42enne coneglianese che simulava incidenti in casa

FULMINI SUGLI ELETTRODOMESTICI: UN RAGGIRO DA 40 MILA EURO

Negli anni avrebbe incassato 19 premi non dovuti dalle assicurazioni


CONEGLIANO – (gp) Stipulava polizze assicurative sulla casa per danni da fenomeni elettrici e simulava incidenti domestici dovuti a temporali, fulmini e corto circuiti per incassare il premio. Un trucchetto andato avanti per anni e che gli è fruttato di sicuro almeno 40 mila euro, il corrispettivo per i 19 eventi accertati dalla Polizia di Stato della Procura di Treviso. Dopo cinque mesi di indagini l'uomo, un 42enne coneglianese, è stato raggiunto dall'avviso di chiusura indagini e ora si avvia verso il processo per truffa ai danni dell'assicurazione, danneggiamento fraudolento di beni assicurati e simulazione di reato. A mettere gli inquirenti sulle tracce del presunto illecito era stata, nel gennaio scorso, una compagnia assicurativa che aveva fiutato qualcosa di strano nella richiesta di rimborso presentata dall'uomo. Nel giro di qualche settimana la vicenda è venuta a galla: il 42enne, già dal 2004, sfruttando le sue conoscenze nel campo dell'elettronica aveva messo in piedi un raggiro quasi perfetto. Essendo proprietario di 4 abitazioni nella destra Piave e di una a Bibione, stipulava polizze assicurative con i più grandi gruppi italiani (Axa, Cattolica, Allianz, Aviva, Uniqa e Unipol) e poi, ogni volta che si verificava un temporale, affermava che un fulmine aveva distrutto gli elettrodomestici di una delle sue case e chiedeva di incassare il premio. Ai periti delle assicurazioni che uscivano per constatare i danni (al frigorifero piuttosto che al condizionatore, al televisore o all'impianto elettrico), mostrava sempre gli stessi elettrodomestici bruciati. Per coprire la truffa, falsificava i documenti di vendita e di riparazione degli stessi, oltre che le fatture, in modo da garantire che ogni volta venivano colpiti elettrodomestici nuovi o riparati. Un metodo scoperto dopo 6 perquisizioni nelle abitazioni del 42enne e la consulenza di tecnici del settore oltre che del centro meteo del Veneto per capire se davvero fossero caduti fulmini nelle zone denunciate dall'uomo.