Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Vidor, indagine avviata un mese fa dal titolare della ditta

RUBA VINI E GRAPPE IN AZIENDA MANETTE AL DIPENDENTE INFEDELE

Un 30enne di Montebelluna arrestato per furto e ricettazione


VIDOR - Un'impresa vitivinicola di Vidor derubata per mesi da un dipendente infedele, un 30enne di Montebelluna, per un bottino di alcune migliaia di euro: l'uomo è stato arrestato per furto e ricettazione nella giornata di mercoledì. Questo quanto scoperto dai carabinieri di Valdobbiadene nel corso di un'indagine avviata proprio in seguito ad una denuncia presentata dal titolare della ditta, nei primi giorni di novembre. L'uomo segnalava in particolare inspiegabili ammanchi di vini e grappe, sempre quando era assente dall'azienda. Le indagini si sono concentrate sui dipendenti. L’attività degli investigatori è durata ininterrottamente per oltre un mese poiché i malfattori, temendo probabilmente di essere scoperti, avevano deciso di interrompere i furti ed aspettare tempi migliori. La grande pazienza però è stata ricompensata e solo ieri ha avuto il suo positivo epilogo. Verso le ore 18, infatti i militari hanno sorpreso uno degli operai, un 30enne addetto allo smistamento dei prodotti, mentre si intratteneva all’interno dell’azienda, nonostante l’orario di chiusura al pubblico. Appena superato il ponte di Vidor diretto a Montebelluna, l'uomo è stato fermato: all'interno del baule erano occultati sette cartoni contenenti 28 bottiglie di grappe. La successiva perquisizione domiciliare ha portato al ritrovamento di altre 7 bottiglie di vino prosecco. Buona parte della grappa trafugata era stata invece rivenduta ad alcuni bar della zona.