Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/200: DUSTIN JOHNSON CAMPIONISSIMO ALLE HAWAII

Il numero uno del ranking trionfa nel Sentry Toornament


TREVISO - Siamo ormai all’undicesimo torneo del PGA americano 2018, il Sentry Tournament of Champions, che si è giocato negli Stati Uniti al Plantation Course di Kapalua, da 4 al 7 gennaio. È l’undicesimo, giacché la prima gara della stagione, il Safeway Open,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/199: NEL 2018 L'OPEN D'ITALIA SUL LAGO DI GARDA

Novità di fine anno dal universo dei green italiani


TREVISO - Notizie che ci sono pervenute negli ultimi giorni e che val la pena di commentare. Cominciamo con l’Open d’Italia. Il 75° open d’Italia, la massima manifestazione nazionale di golf, non si giocherà nel 2018 al Golf Milano, bensì al Gardagolf country...continua

Golf
PILLOLE DI GOLFF/198: SI CONCLUDE IL CIRCUITO EUROPEO FEMMINILE

La protesta delle giocatrici: "Discriminate rispetto ai maschi"


Oggi parliamo di donne, di queste abili signore che si impegnano oltre misura alla ricerca del successo in Campo. A dire il vero, sono arrabbiate le golfiste europee, per la discriminazione che subiscono nel confronto con i maschi. Non conosco i motivi che generano questa scarsa considerazione, non...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Al momento dell'impatto il 57enne bellunese aveva già perso conoscenza

NESSUN GUASTO O ERRORE UMANO: BRUNO DE DEA UCCISO DA MALORE

Il pm Francesca Torri intanto ha firmato il nulla osta per la sepoltura


CISON DI VALMARINO – (gp) Al momento dell'impatto Bruno De Dea non era già più cosciente. Per i risultati dettagliati serviranno ancora diverse settimane, ma l'autopsia eseguita dall'anatomopatologo trevigiano Alberto Furlanetto non lascia già ora spazio a dubbi: il 57enne bellunese è stato colpito da un malore fatale. Nessun errore umano dunque, e nessun guasto tecnico. Soltanto un destino crudele che ha voluto strappare alla vita un uomo in salute con la passione per il volo. Una magra, magrissima consolazione per la famiglia di Bruno De Dea, trovato cadavere in seguito allo schianto del suo Piper sul monte Torresel, nel comune di Cison di Valmarino venerdì mattina. Nel dramma una cosa però sembra alleviare il dolore di chi lo conosceva e lo stimava: prima di morire, facendo quello che amava, l'ultima immagine mentre si trovava ai comandi del suo aereo dev'essere stata quella del cielo azzurro sopra il passo San Boldo. Il primo sommario esito della perizia medico legale mette inoltre la parola fine alle indagini coordinate dal sostituto procuratore Francesca Torri, che ha firmato il nulla osta per la sepoltura del pilota. Gli accertamenti tecnici sul velivolo, posto sotto sequestro, risulterebbero del tutto superflui nonché inutili.