Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Breda, avevano appena finito il turno di lavoro, erano diretti a casa in via Pisa

"NAVETTA" PER OPERAI: 15 CINESI NEL CASSONE DI UN FURGONE

Controllo dei carabinieri, mezzo sequestrato e multa salata


BREDA DI PIAVE - Tre cinesi sui sedili anteriori, ben undici rinchiusi nel cassone del furgone: questo il particolare servizio navetta utilizzato da un'azienda di maglieria di Breda di Piave e scoperto durante un controllo effettuato dai carabinieri. L'episodio risale alla mattinata di mercoledì quando una “gazzella” nota un Opel Vivaro che percorre via Vesco e acellera alla vista dei militari. Scatta il controllo e arriva l'incredibile sorpresa: nel vano del furgone c'erano undici operai asiatici tra cui tre donne e due minorenni. Tra loro sette non avevano i documenti e così tutti sono stati portati per accertamenti in caserma. I carabinieri di Maserada scoprono, grazie alle spiegazioni fornite dalla titolare della maglieria, la verità su questo “trasporto eccezionale”. Gli operai avevano appena finito il turno di lavoro e si apprestavano a fare ritorno a casa, in via Pisa a Treviso. Per la ditta di maglieria è scattato il sequestro del veicolo, con fermo amministrativo fino a 6 mesi ed una multa 398 euro.