Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Controllo della direzione territoriale del lavoro e del Nil dei carabinieri

DUE BARISTE "IN NERO", STANGATA

Sanzione di 7300 euro per un bar del centro di Vittorio Veneti


VITTORIO VENETO - Entrambe le bariste al bancone lavoravano “in nero”, senza nessun contratto di lavoro, probabilmente da tempo. Questo quanto ha scoperto il nucleo ispettorato del lavoro dei carabinieri e gli ispettori della direzione territoriale del lavoro durante un controllo svolto qualche settimana fa presso un bar del centro di Vittorio Veneto, a pochi passi dal municipio. Il blitz ha portato all'immediata sospensione dell'attività lavorativa: una posizione questa che è stata subito revocata con il pagamento del titolare di una somma di 1500 euro. Il bar, molto conosciuto e rinomato, in città era già da qualche tempo tenuto sotto stretta osservazione. Il locale è stato multato dagli ispettori, al termine dell'indagine, con una sanzione di oltre 7300 euro (comprensivi delle lettere di assunzione per le due dipendenti). Si tratta solo di uno dei molti controlli che la direzione territoriale del lavoro si appresta a compiere per contrastare il lavoro nero nell'ambito dei pubblici esercizi. Sarebbero numerose, soprattutto nel territorio del vittoriese, le segnalazioni di camerieri o baristi che lavorano senza un regolare contratto. Proprio per questo si annuncia nei prossimi mesi un vero e proprio "giro di vite" contro i "furbetti": si tratta di titolari di bar, ristoranti, pizzerie ed altri locali pubblici che durante il periodo natalizio, complice il naturale aumento del giro d'affari delle loro attività, fanno ricorso a lavoratori irregolari. La conseguenza principale di questo fenomeno, sottolineano dalla direzione territoriale del lavoro, è in termini di concorrenza sleale nei confronti degli esercenti onesti.