Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/200: DUSTIN JOHNSON CAMPIONISSIMO ALLE HAWAII

Il numero uno del ranking trionfa nel Sentry Toornament


TREVISO - Siamo ormai all’undicesimo torneo del PGA americano 2018, il Sentry Tournament of Champions, che si è giocato negli Stati Uniti al Plantation Course di Kapalua, da 4 al 7 gennaio. È l’undicesimo, giacché la prima gara della stagione, il Safeway Open,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/199: NEL 2018 L'OPEN D'ITALIA SUL LAGO DI GARDA

Novità di fine anno dal universo dei green italiani


TREVISO - Notizie che ci sono pervenute negli ultimi giorni e che val la pena di commentare. Cominciamo con l’Open d’Italia. Il 75° open d’Italia, la massima manifestazione nazionale di golf, non si giocherà nel 2018 al Golf Milano, bensì al Gardagolf country...continua

Golf
PILLOLE DI GOLFF/198: SI CONCLUDE IL CIRCUITO EUROPEO FEMMINILE

La protesta delle giocatrici: "Discriminate rispetto ai maschi"


Oggi parliamo di donne, di queste abili signore che si impegnano oltre misura alla ricerca del successo in Campo. A dire il vero, sono arrabbiate le golfiste europee, per la discriminazione che subiscono nel confronto con i maschi. Non conosco i motivi che generano questa scarsa considerazione, non...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

L'avvocatura dello Stato si è costituita contro il figlio dei coniugi trucidati

MASSACRO DI GORGO: PIU' LONTANA L'IPOTESI DI RISARCIRE DANIELE

La causa fa riferimento a una direttiva europea che lo prevede


GORGO AL MONTICANO – (gp) Si allontana l'ipotesi di ottenere un risarcimento per gli eredi di Guido Pellicciardi e Lucia Comin, i due coniugi uccisi nella notte tra il 20 e il 21 agosto 2007 nella dependance di villa Durante a Gorgo al Monticano. Davanti al giudice del Foro erariale lo ha sostenuto lo Stato italiano che si è costituito nella causa avviata da Daniele Pellicciardi il quale, con l'assistenza degli avvocati Alessandro Romoli e Massimo Jacobi, ha chiesto allo Stato di pagare il risarcimento di 800 mila euro visto che le “Belve di Gorgo” non sono in grado di farlo. L'Avvocatura dello Stato ha precisato che “la direttiva comunitaria, seppur in parte recepita dall'Italia, non prevede che siano risarcite le vittime di reati violenti volontari se non per casi specifici come mafia o terrorismo”. In base a questa motivazione dunque, il risarcimento danni sembra allontanarsi. L'assurdo è che se il delitto si fosse verificato ad esempio in Francia, che ha recepito la direttiva europea, Daniele Pellicciardi avrebbe già ottenuto gli 800 mila euro. Il giudice, esaminate le argomentazioni delle parti, ha aggiornato l'udienza al prossimo 19 luglio in cui il magistrato deciderà anche sulla richiesta dell'Avvocatura dello Stato di sottoporre alla Suprema Corte di Giustizia europea la corretta interpretazione della direttiva europea che obbliga ogni singolo Stato dell'Unione a costituire un fondo per aiutare economicamente le vittime (e i loro familiari) di reati violenti volontari. Un fondo che l'Italia non ha ancora costituito. C'è un precedente però: per una violenza sessuale, il tribunale e la Corte d'Appello di Torino hanno imposto allo Stato di pagare sostenendo che la direttiva è “chiarissima”.