Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/200: DUSTIN JOHNSON CAMPIONISSIMO ALLE HAWAII

Il numero uno del ranking trionfa nel Sentry Toornament


TREVISO - Siamo ormai all’undicesimo torneo del PGA americano 2018, il Sentry Tournament of Champions, che si è giocato negli Stati Uniti al Plantation Course di Kapalua, da 4 al 7 gennaio. È l’undicesimo, giacché la prima gara della stagione, il Safeway Open,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/199: NEL 2018 L'OPEN D'ITALIA SUL LAGO DI GARDA

Novità di fine anno dal universo dei green italiani


TREVISO - Notizie che ci sono pervenute negli ultimi giorni e che val la pena di commentare. Cominciamo con l’Open d’Italia. Il 75° open d’Italia, la massima manifestazione nazionale di golf, non si giocherà nel 2018 al Golf Milano, bensì al Gardagolf country...continua

Golf
PILLOLE DI GOLFF/198: SI CONCLUDE IL CIRCUITO EUROPEO FEMMINILE

La protesta delle giocatrici: "Discriminate rispetto ai maschi"


Oggi parliamo di donne, di queste abili signore che si impegnano oltre misura alla ricerca del successo in Campo. A dire il vero, sono arrabbiate le golfiste europee, per la discriminazione che subiscono nel confronto con i maschi. Non conosco i motivi che generano questa scarsa considerazione, non...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Motta di Livenza, la vittima aveva riportato un forte trauma cranico

MARTELLATE AD UN CONNAZIONALE PER UN DEBITO: SEI INDIANI DENUNCIATI

La "spedizione punitiva" risale allo scorso 27 settembre


MOTTA DI LIVENZA - E' stato malmenato selvaggiamente con martellate sulla testa, calci e pugni per un debito di 500 euro. Sei cittadini indiani residenti nel pordenonese sono stati denunciati per lesioni aggravate in concorso dai carabinieri di Motta di Livenza per un'aggressione subita da un loro connazionale lo scorso 27 settembre a Meduna. La vittima se l'era cavata all'epoca con un forte trauma cranico ed una commozione cerebrale. Le indagini condotte dalla Stazione di Motta di Livenza hanno permesso di identificare gli autori dell’aggressione, rese particolarmente difficili dal fatto che non vi erano testimoni, che subito dopo l’accaduto gli autori dell’aggressione si erano repentinamente dileguati senza lasciare traccia e che la vittima, date le condizioni fisiche ed il timore di eventuali ritorsioni, inizialmente non aveva fornito alcuna indicazione in merito.